Raccolte 62 domande, 38 delle quali hanno avuto risposta positiva. Sabato 9 e domenica 10 novembre mostra di acquarelli il cui ricavato verrà devoluto all’iniziativa diocesana

di Silvio MENGOTTO

acquerelli Mengotto

La seconda fase del Fondo Famiglia e Lavoro – voluto dal cardinale Dionigi Tettamanzi e rilanciato dal cardinale Angelo Scola – sta percorrendo tutta la Diocesi vivacizzando e attualizzando la stessa dimensione della solidarietà. Sono 1749 le domande ricevute e 810 le risposte positive, con una erogazione complessiva a sostegno di 1.534.315,00 euro. La percentuale di italiani è del 39%, quella degli stranieri il 61%.

Gli operatori del Decanato di Turro – che comprende 12 parrocchie – hanno raccolto 62 domande: il 20% proviene da famiglie italiane, l’80% da famiglie straniere (egiziani, bulgari, peruviani, moldavi, romeni e boliviani). Sono 38 le domande accolte positivamente, per una erogazione complessiva di 62.840 euro. Sono 8 le risposte finalizzate per la ricerca attiva di lavoro; 11 per la sussistenza familiare e 20 quelle legate a corsi di formazione presenti nel territorio, proposti anche dal Comune di Milano.

A sostegno dell’iniziativa, sabato 9 e domenica 10 novembre, presso la sede delle Acli (via Asiago), l’Associazione Gorla Domani e le Acli di Gorla propongono una mostra di acquarelli, il cui ricavato verrà devoluto al Fondo.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi