Ambiente, lavoro e futuro in una realtà globale e interconnessa al centro della 49ª Settimana Sociale, in programma dal 21 al 24 ottobre nella città pugliese, a cui parteciperà una Delegazione della Diocesi

fuga_dalla_terra_tumb-800x600

«Il pianeta che speriamo. Ambiente, lavoro, futuro. #tuttoèconnesso» è il tema della 49ª Settimana Sociale dei Cattolici Italiani, che si svolgerà a Taranto dal 21 al 24 ottobre.

Nel solco tracciato dalla Laudato Si’ e dalla Fratelli tutti di papa Francesco, la Chiesa italiana offre il proprio contributo per la creazione di un nuovo modello di sviluppo di cui il mondo ha urgente bisogno. Nel capoluogo pugliese si ritroveranno 142 Vescovi, 670 delegati di 218 diocesi, tra cui numerosi giovani, in rappresentanza delle comunità ecclesiali che in questi mesi hanno riflettuto e si sono confrontate a livello locale a partire dall’Instrumentum Laboris.

All’appuntamento, che si aprirà il 21 pomeriggio con i saluti istituzionali, parteciperanno esperti, esponenti del mondo politico, ecclesiale, civile e culturale che dialogheranno e, insieme, individueranno piste di azione per avviare una transizione ispirata dalla prospettiva dell’ecologia integrale. Sono previsti, tra gli altri, gli interventi del cardinale Peter Kodwo Appiah Turkson, Prefetto del Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale, del cardinale Gualtiero Bassetti, Arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e Presidente della Cei, di Enrico Giovannini, Ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili, di Paolo Gentiloni, Commissario europeo per l’economia, di David Sassoli, Presidente del Parlamento Europeo, di Luigi Sbarra, Segretario generale della Cisl, di Stefano Franchi, Direttore generale di Federmeccanica, di Stefano Zamagni, Presidente della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, di Gaël Giraud, Direttore del Center for Environmental Justice della Georgetown University di Washington, e di Giovanna Iannantuoni, Rettrice dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca.

Di fronte alla situazione attuale, «il nostro cammino è volto alla ricerca di risposte adeguate alle grandi sfide del nostro tempo: tutti siamo invitati a riflettere sul “Pianeta che speriamo” con uno sguardo capace di tenere insieme ambiente e lavoro nella evidenza, resa ancora più chiara dalle drammatiche vicende della pandemia, che tutto è connesso», afferma monsignor Filippo Santoro, Arcivescovo di Taranto e Presidente del Comitato scientifico e organizzatore.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi