L’associazione di promozione sociale svolge attività in sei ambiti: accoglienza, Caritas, servizio-guardaroba, tutela ambientale, doposcuola e missioni

di Marcello VILLANI

Marco Battistoni

Partecipazione, solidarietà, educazione e promozione allo sviluppo: sono le parole d’ordine de “Il Pellicano”, associazione di promozione sociale fondata a Osnago nel 1993, che conta 90 iscritti di cui almeno 50 volontari attivissimi. Presidente è Marco Battistoni.

Ne fanno parte sei gruppi. Il Gruppo Accoglienza (responsabile Antonio Balzarini) dal 2009 si occupa di offrire ospitalità temporanea (3-6 mesi) a famiglie in disagio abitativo; nei primi tre anni le famiglie sono state ospitate presso la casa d’accoglienza di via San Carlo, mentre nell’aprile 2012 è stata inaugurata una nuova struttura riadattata grazie alle donazioni dei parrocchiani e a un contributo della Fondazione Cariplo. Il Gruppo Caritas (responsabile Antonella Rampichini), storicamente presente in parrocchia e dedito all’animazione delle attività caritative, dal 2011 segue in modo particolare l’iniziativa «Adotta una Famiglia», che attraverso un accordo Comune-parrocchia mira a sensibilizzare la comunità ai problemi socio-economici che hanno colpito molte famiglie; c’è la possibilità di offrire un aiuto a chi è in difficoltà, contribuendo sia economicamente, sia attraverso forme diverse di volontariato. Il Gruppo Armadio (responsabile Costanza Cicogna) è un servizio-guardaroba per la fascia 0-14 anni, grazie al quale le famiglie possono trovare vestiti per le necessità dei figli; non si parla solo di famiglie indigenti, ma anche di chi decide di vivere più sobriamente e in cambio dei vestiti lascia un’offerta devoluta in beneficenza. Il Gruppo Ecologico (responsabile Ernesto Fumagalli) effettua raccolta di carta e rottame grazie a una convenzione col Comune; il ricavato viene devoluto in beneficenza. Il Gruppo Doposcuola (responsabile Miriam Magni), un pomeriggio alla settimana, segue nei compiti i bambini delle scuole elementari segnalati dalle maestre. Infine il Gruppo Missionario (responsabile Gabriele Casiraghi) raccoglie fondi attraverso varie iniziative proposte durante l’anno, col ricavato devoluto a favore dei missionari osnaghese che operano nei Paesi in via di sviluppo.

Grazie alle iniziative di tanti volontari, l’associazione è ormai diventata una realtà territoriale ed extraterritoriale particolarmente attiva e riconosciuta, che tra l’altro nel 2013 si è dotata di una nuova organizzazione interna. Alle iniziative, d’altronde, partecipano anche persone non associate al “Pellicano”, ma che la affiancano in operazioni come quella della raccolta viveri presso il supermercato Coop di Osnago una volta al mese: il supermercato applica uno sconto del 10% a chi dedica la spesa alle famiglie bisognose. C’è un magazzino apposito per stoccare i prodotti raccolti.

I vari gruppi hanno visto aumentare la partecipazione, migliorare la qualità dell’assistenza portata alle persone in difficoltà, sviluppare nuove idee e iniziative per promuovere il cammino verso la piena autonomia degli assistiti (educazione allo sviluppo). «La nostra azione – spiega il presidente Battistoni – si affianca all’impegno emergenziale e assistenziale degli enti pubblici con lo sforzo costante a convertire l’assistenzialismo degli individui in piena autonomia. Ed è grazie al sostegno dei soci che potremo continuare a farlo anche nel 2014».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi