A Villa Cagnola di Gazzada è in corso la XXXIV Settimana europea a Villa Cagnola di Gazzada, la terza dedicata alla storia religiosa euro-mediterranea

La XXXIV Settimana europea a Villa Cagnola di Gazzada propone quest’anno, dal 3 al 7 settembre, il terzo incontro dedicato alla storia religiosa dell’universo “euro-mediterraneo” con una serie di approfondimenti dedicati dedicata alla straordinaria vicenda di Gerusalemme: la Città Santa, patria comune per tutti i cristiani e cuore del mondo. Ma questo tradizionale appuntamento culturale presenta anche una significativa valenza ecclesiale, sottolineata dalla presenza di Sua Beatitudine Fouad Twal, patriarca latino di Gerusalemme, che concluderà i lavori, e di monsignor Giacinto-Boulos Marcuzzo, vescovo ausiliare di Gerusalemme e vicario patriarcale latino per Israele.

Il convegno, promosso dalla Fondazione Ambrosiana Paolo VI in collaborazione con l’Università Cattolica del Sacro Cuore, con il patronato della Regione Lombardia e con il patrocinio della Fondazione Comunitaria del Varesotto Onlus, si propone come strumento per la formazione di una sensibilità culturale aperta al dialogo tra realtà antropologiche e religiose diverse, per vivere consapevolmente nella complessità di un mondo globalizzato.

Si prendono in considerazione le premesse cananee alla successiva vicenda ebraica della città, vicenda nel cui contesto evento decisivo fu la costruzione del Tempio, che fece della città regia di Giudea il luogo dell’incontro di Israele con Dio, nonché il simbolo dell’universalismo salvifico evidenziato dall’annuncio religioso ebraico fin dalle prime pagine della Torah: «In te si diranno benedette tutte le stirpi della terra» (Gn 12, 3).

L’accostamento della Gerusalemme delle prime generazioni cristiane, nella sua realtà effettuale e nella sua trasposizione escatologica, è premessa alla considerazione della straordinaria importanza assunta dalla «Santa Sion, madre di tutte le Chiese», in età costantiniana, quando con i suoi santuari divenne meta di pellegrinaggio e modello rituale per le comunità dei credenti sparse nell’intera ecumene. La Cupola della Roccia segna la conquista del califfo Omar e la nuova fase, islamica, nella storia della Città Santa (Al-Quds), fase brevemente interrotta dalla vicenda “crociata” e protrattasi fino al 1967, anno dell’acquisizione a opera dello Stato d’Israele.

A queste vicende sono dedicate approfondite analisi, premessa alla considerazione delle implicazioni religiose connesse ai problemi posti dall’attualità di questa città, tanto contesa e tanto amata. I molteplici temi che scandiscono il percorso della Settimana, saranno proposti da studiosi, la cui alta qualificazione è ben nota a livello internazionale e nelle cui identità personali si riflette la complessità di una singolare realtà, a un tempo umana e spirituale, che i loro convergenti contributi consentiranno di accostare con nuova consapevolezza e più profonda comprensione. La Settimana è riconosciuta come corso d’aggiornamento per i docenti di ogni ordine e grado e per gli Insegnanti di Religione Cattolica.

Info: Fondazione Ambrosiana Paolo VI (tel. 0332.462104 – fapgazzada@tin.it – www.villacagnola.it

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi