Pubblichiamo il testo dell'omelia della Santa Messa celebrata presso l'Istituto Faes (Famiglia e Scuola) in occasione del 45° anniversario di fondazione

di monsignor Mario Delpini
Arcivescovo di Milano

Faes

Martedì 8 ottobre, in occasione del 45° anniversario della fondazione delle Scuole Faes (Famiglia e Scuola), l’Arcivescovo, monsignor Mario Delpini, ha celebrato una Santa Messa nel cortile dell’istituto di via Amadeo 11 a Milano, rivolta ai genitori, agli alunni delle scuole primarie e secondarie di primo grado Argonne e Monforte e dei Licei, ai loro docenti e al personale scolastico. Durante la visita – la prima di un Arcivescovo di Milano alle Scuole Faes – sono state raccolte offerte per il Fondo Diamo lavoro.
Risale al 1974 la decisione di un gruppo di genitori, amici e docenti di dare vita al Faes, che pone al centro del proprio metodo le intuizioni educative di San Josemaría Escrivá e la condivisione tra genitori e insegnanti del percorso culturale e di crescita dei ragazzi.

Pubblichiamo l’omelia dell’Arcivescovo 

A) I cristiani antipatici

Bisogna riconoscere che ci sono momenti in cui i cristiani sono antipatici: non fanno niente di male, eppure molti li guardano come fossero un fastidio, un disturbo; non vengono a imporre niente, ma già il fatto che esistano genera il pregiudizio che siano invadenti; i cristiani – come è ovvio – hanno una visione cristiana del mondo, dell’uomo, della donna, del matrimonio, dell’economia, della vita e della morte: questo li rende una presenza antipatica.

Ci sono cristiani che si sentono a disagio quando si sentono circondati dall’antipatia o addirittura dell’odio. Ma se hanno letto il vangelo, già sanno che devono aspettarselo. Dice infatti Gesù: sarete odiati da tutti a causa del mio nome (Lc 21, 17). Quando si sentono a disagio cercano di rimediare in diversi modi. Alcuni si chiudono, stanno tra di loro, frequentano solo persone che la pensano come loro. Altri si nascondono tra la folla, fanno finta di essere come tutti: pensano i pensieri altrui, dicono le parole che dicono tutti, cercano di rendersi simpatici cercando di non essere troppo evidentemente cristiani. Altri fanno senza parlare, compiono gesti di carità senza dichiarare che lo fanno perché cristiani: in questo modo vivono con coerenza ma evitano discussioni. Non evitano però l’antipatia.

B) Un manuale di sopravvivenza

Per essere d’aiuto ai cristiani che sono coscienti di essere antipatici, ma vogliono continuare a esserlo, con serenità e fierezza, offrendo la loro testimonianza con serenità e semplicità, ho pensato che si potrebbe scrivere un manuale per la sopravvivenza nei giorni dell’antipatia.

Si possono formulare alcuni capitoli di questo manuale che può essere di aiuto nell’anno scolastico, dentro e fuori la scuola.

  1. Non mendicare simpatia, 
    non venderti all’idolatria

I cristiani vigilano per evitare di adeguarsi alle abitudini del tempo e quindi cercano di non lasciarsi sedurre dagli idoli, che sono costumi, pratiche di vita, risultati che chiedono sacrifici senza dare vantaggi: il denaro, il potere, il prestigio, la bellezza, ecc.

  1. Se non percorri la via del sapere,
    ogni obiezione ti mette a tacere.

Di fronte alle accuse, alle insinuazioni, ai luoghi comuni nel leggere la storia, i cristiani possono rispondere, se sanno come sono andate le cose e se sanno i contenuti e gli argomenti della dottrina cristiana.

  1. Se impari la preghiera,
    sei sereno mattino e sera.

I cristiani non sono cristiani perché portano un distintivo, ma perché hanno un rapporto vivo con Gesù: gli parlano, lo invocano, lo ascoltano. Cioè pregano. In questa preghiera si stabilisce un rapporto personale che sostiene in ogni situazione e rende perseveranti vincendo ogni tentazione.

  1. In amicizia e compagnia
    ogni paura vola via.

Da soli non si può andare avanti, non si può essere testimoni della fede che si professa. L’amicizia e l’appartenenza alla comunità danno energie, fiducia, intraprendenza e fantasia per perseverare in ogni situazione.

  1. Ogni data situazione
    è ottima occasione.

Di fronte a una situazione è possibile lamentarsi, è possibile rassegnarsi, è possibile arrabbiarsi. Ma il cristiano è convinto che in ogni situazione il dono dello Spirito Santo rende possibile dare testimonianza e vivere in coerenza.

  1. Guarda lontano,
    per non finire nel pantano.

La vita cristiana non è una vita parcheggiata, non è una vita seduta su un divano. Il cristiano guarda avanti con fiducia: vive nell’attesa della manifestazione del Regno. Sa che tutto passa e sarà distrutto, ma non quelli che vivono e muoiono nel Signore.

  1. Ogni nemico può essere un fratello,
    ogni amico può essere un tranello.

Le persone mostrano talora delle apparenze che nascondono una verità o una menzogna che non si può cogliere all’istante. Perciò anche nell’amicizia è necessario essere prudenti. Una persona ostile può cambiare atteggiamento; una persona amica può approfittare della fiducia e indurre al male.

  1. Gesù ha dato a tutti salvezza e perdono,
    non giudicare: la vita è un dono.

Lo sguardo sull’ambiente in cui viviamo non deve essere ispirato dal risentimento. Il mondo non corrisponde alle nostre aspettative, ma noi siamo chiamati a non giudicare, ma a condividere i sentimenti di Gesù per tutti e a considerarci chiamati a collaborare a dare acqua fresca a chi ha sete, prossimità vera a chi è solo, speranza a tutti.

  1. Con il grazie comincia ogni mattino,
    con la gioia vivi ogni destino.

L’amicizia con Gesù, la fraternità dentro la comunità, la stima di sé perché abbiamo ricevuto una vocazione santa sono motivi sufficienti per riassumere nella gratitudine ogni giornata e ogni condizione che ci è data da vivere.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi