Tra ragazzi, genitori, catechisti, educatori, padrini e madrine, sono attesi in 45 mila, allo stadio Meazza di San Siro, per il tradizionale incontro diocesano con l’Arcivescovo

di Mario PISCHETOLA

Vi darà il Consolatore

Il campo di San Siro sarà l’immagine del campo che è il mondo. Nel pomeriggio di lunedì 2 giugno, allo Stadio Meazza di Milano sono attesi più di 45 mila ragazzi della Confermazione, insieme ai loro genitori, catechisti, educatori e padrini, per vivere l’annuale incontro diocesano dei cresimandi, presieduto dall’Arcivescovo, cardinale Angelo Scola.

Alle 15 si apriranno i cancelli; alle 17 inizierà la celebrazione, che sarà arricchita dalle figurazioni che coinvolgeranno direttamente il terreno di gioco e i tre anelli dello stadio. Verranno ripresi i temi dell’iniziativa pastorale «Il campo è il mondo», riproposti sotto lo slogan dell’anno oratoriano «A tutto campo». I cresimandi e i cresimati 2014 parteciperanno all’incontro con indosso i pettorali colorati, secondo le tradizionali tinte delle sette zone pastorali.

La festa ripercorrerà anche le tappe del cammino dei «100 giorni», l’itinerario che, costruito sulla proposta diocesana, prepara l’incontro del Meazza, ma soprattutto aiuta a ricevere con più consapevolezza il sacramento della Confermazione. Durante la celebrazione con l’Arcivescovo, circa mille figuranti metteranno in scena i «passaggi» essenziali della parabola evangelica del buon grano e della zizzania (cfr. Mt 13, 24-30), che è il cuore della Lettera pastorale dell’Arcivescovo, e presenteranno alcune dinamiche proprie della vita dei ragazzi di fronte alle scelte di fede.

Sarà il dialogo con l’Arcivescovo a richiamare nei presenti l’impegno di una testimonianza che è innanzitutto una risposta al dono di amicizia offerto dal Signore Gesù. Così come anticipato nella sua lettera ai ragazzi della Cresima 2014 Vi darà il Consolatore (Centro ambrosiano), il cardinale Scola chiederà ai cresimandi di rispondere «sì» alla domanda che un giorno Gesù risorto fece a Pietro e che oggi è valida per ogni credente: «Mi vuoi bene?». Questo invito all’amore troverà una eco nelle parole e nelle azioni di coloro che sono stati invitati a prendersi cura delle giovani generazioni e che formeranno la «comunità educante» per i preadolescenti.

La cornice dello Stadio Meazza mostrerà così ai ragazzi e alle ragazze un bellissimo volto di Chiesa che, in cammino con il suo Vescovo, non rimane chiusa in «recinti separati» ma percorre strade che incrociano le vie di tante persone. Questa stessa Chiesa evangelizzatrice chiederà ai cresimandi di continuare il cammino di fede, dentro le esperienze dell’oratorio, dei movimenti o delle associazioni, per poter crescere e maturare come «grano buono» nel mondo.

Un’attenzione che ogni anno l’incontro dei cresimandi porta con sé è il «gesto missionario». Quest’anno all’ingresso dello Stadio saranno raccolti i «risparmi» dei ragazzi che saranno investiti per costruire un pozzo e una fattoria a Katako, nella regione di Kindu, in Congo.

È ancora possibile partecipare all’incontro diocesano iscrivendosi presso la libreria In dialogo (via S. Antonio 5, Milano).

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi