L’intervento dell'Arcivescovo emerito al termine della funzione

tettamanzi

Al termine della Celebrazione eucaristica con il Rito delle Esequie del cardinale Carlo Maria Martini, l’intervento del cardinale Dionigi Tettamanzi, Arcivescovo emerito di Milano, con un suo ricordo del predecessore.

«Mi è difficile parlare oggi – questa la sua emozione -. Eppure vorrei tentare di essere voce di questa Chiesa di cui il Cardinale Carlo Maria è stato, nel nome del Signore, padre, pastore, maestro, servo, intercessore, testimone della verità di Dio e della dignità dell’uomo». Sottolineando l’amore della Chiesa di Milano per il suo pastore, ecco il ricordo del «tuo sguardo capace di vedere lontano, la tua fede nei giorni della gioia e in quelli del dolore, la tua arte di ascoltare e di dare speranza a tutti: a tutti». «Noi ti amiamo e sappiamo che ci sei e ci sarai vicino: sempre! – la convinzione di Tettamanzi -. Noi diamo lode a Dio che ti ha donato di vivere secondo il tuo motto di Vescovo, Pro veritate adversa diligere, e che ti ha chiamato a entrare ora nella gioia senza ombre attraversando nella fede e nella speranza la fatica del soffrire e del morire».

 

In allegato il testo integrale.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi