Una comparazione tra le due grandi figure al centro del Dies Academicus della Classe di Studi Ambrosiani. Sarà presente l’Arcivescovo

Capolettera miniato con i santi Ambrogio e Agostino, da Salterio Ambrosiano del sec. XV (1420), Biblioteca Ambrosiana, A 109 inf., f. 1r.
Capolettera miniato con i santi Ambrogio e Agostino, da Salterio Ambrosiano del sec. XV (1420), Biblioteca Ambrosiana

Martedì 26 e mercoledì 27 marzo, nella Sala delle Accademie “E.R. Galbiati” della Veneranda Biblioteca Ambrosiana (piazza Pio XI 2, Milano), si terrà il Dies Academicus della Classe di studi ambrosiani, dedicato quest’anno a una comparazione tra le due grandi figure di Ambrogio e di Agostino.

Il titolo («Satis episcopaliter me dilexit») riprende e rielabora la frase con la quale Agostino stesso, nelle sue Confessioni (libro V, 13) descrive l’attenzione con la quale il Vescovo di Milano lo accolse, da vero vescovo e padre, nella sua peregrinazione alla ricerca della verità.

Nella serata del 26 marzo – alla presenza del Gran Cancelliere dell’Accademia, l’Arcivescovo di Milano monsignor Mario Delpini – la prolusione è affidata all’Assessore del Pontificio Comitato di Scienze Storiche, il vescovo monsignor Enrico dal Covolo. Il giorno seguente si succederanno vari interventi che metteranno a fuoco le figure dei due Padri in un confronto di carattere storico, teologico, esegetico e artistico. In allegato il programma completo

Alla inaugurazione del Dies saranno cooptati come nuovi Accademici monsignor Enrico dal Covolo, il professor Hartmut Leppin e la dottoressa Elisabetta Neri.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi