Il Centro missionario di Milano ospita il recital ideato dai giovani di Agrate Brianza in onore del missionario loro concittadino, beatificato il 26 giugno 2011 in piazza Duomo

Padre Clemente Vismara

A un anno di distanza dalla beatificazione di padre Clemente Vismara – elevato alla gloria degli altari il 26 giugno 2011 con don Serafino Morazzone, parroco di Chiuso di Lecco, e suor Enrichetta Alfieri, “l’angelo del carcere” di San Vittore, nella solenne celebrazione eucaristica presieduta dal cardinale Dionigi Tettamanzi in piazza Duomo -, il Centro missionario Pime di Milano onora il suo confratello “patriarca della Birmania” ospitando il recital messo in scena su di lui dai giovani di Agrate Brianza, suo paese natale. L’appuntamento è per sabato 30 giugno, alle 21, presso l’Auditorium del Centro in via Mosé Bianchi 94 a Milano.

In occasione della beatificazione la comunità di Agrate si è lasciata contagiare dagli scritti, dalla vita e dalla giovialità e semplicità di padre Clemente. I giovani dell’oratorio hanno così elaborato uno spettacolo in cui – con linguaggi moderni e tradizionali come la musica, la recitazione, la danza, i canti e i colori – hanno inteso comunicare il messaggio di amore e di missione che animò il Beato e che potrebbe animare molti altri giovani.

Il Pime ha raccolto con gioia la loro disponibilità a proporre lo spettacolo nella sua “casa”, anche in considerazione del 50° del Centro missionario, le cui celebrazioni stanno volgendo al termine. È sembrato quindi significativo chiudere “in bellezza”, ricordando non solo padre Clemente, ma anche tutte quelle persone che hanno donato vitalità e professionalità al Centro stesso.

«Grande fu la gioia di partecipare alla beatificazione e di riscoprire e rivedere nel nostro nuovo beato tanti altri missionari che, come lui, hanno dedicato e dedicano la propria vita al bene dei piccoli, di un popolo, della Chiesa – spiegano padre Gian Paolo Gualzetti e padre Alberto Caccaro -. Questa è un’occasione per ritrovarci in famiglia e rivedere alcune persone care del passato e anche del presente, cariche non solo di anni, ma anche di esperienze e di legami».

Ecco il programma:
ore 21: saluto e proiezione di un breve video
ore 21.15: prima parte del recital
ore 22: consegna degli attestati di fedeltà
ore 22.15: seconda parte del recital
ore 23: saluto finale.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi