L'1 dicembre la Giornata mondiale. Continua la campagna "Positivi nell'anima", con donazioni mirate a sostegno dell'ospedale diocesano di Chirundu, in Zambia

Elisa Facelli

In occasione della Giornata per la lotta all’Aids del 1° dicembre, il Celim rilancia la campagna “Positivi nell’anima”, in collaborazione con la diocesi di Milano, a sostegno del Mtendere Mission Hospital di Chirundu, in Zambia. Qui vengono accolte migliaia di persone all’anno per le analisi e la profilassi legate al virus Hiv e sono stati raggiunti ottimi livelli in fatto di prevenzione e cura: dall’inizio dell’anno a fine ottobre, i pazienti assistiti dall’ospedale per malattie legate all’Aids sono stati 3.286, le donne curate presso la Clinica prenatale sono state 942, di cui 174 sono risultate positive al test Hiv e il numero di persone che si è sottoposto a trattamento antibiotico per la profilassi di malattie opportunistiche legate al virus  è di 327.

L’Ong Celim collabora con l’Ufficio missionario della diocesi di Milano per sostenere le attività del Mtendere Mission Hospital inviando medicinali e attrezzature sanitarie, non reperibili localmente, tramite spedizioni con container, inviando personale qualificato, occupandosi delle costruzioni e manutenzioni delle strutture e dell’impiantistica, inviando contributi e donazioni per affrontare le spese di gestione in Zambia.

Lo scopo della campagna “Positivi nell’anima”, lanciata dall’alloracardinale Dionigi Tettamanzi il 26 aprile, è quello di frenare l’epidemia che affligge l’Africa cercando di ridurre la trasmissione del virus Hiv da mamma a bambino, sostenendo le attività gestite dal Mtendere Mission Hospital.

La somma raccolta servirà anche a sostenere le attività dell’ambulatorio aperto tre anni fa, l’Umoyo Clinic, dove bambini nati da madri sieropositive vengono monitorati e curati fino al compimento del 2° anno di vita.

Oggi le madri che non si curano trasmettono il virus ai figli nel 40% dei casi, mentre con le terapie garantite dall’Ospedale di Chirundu la percentuale viene abbattuta scendendo fino all’1%.

Per consentire il mantenimento di questi risultati, a Natale con una donazione si fa un doppio regalo, contribuendo a salvare una vita e promuovendo solidarietà fra chi ci sta più a cuore.

Ecco i dati per la campagna di Natale: un mese di terapia per un bambino nato da una mamma sieropositiva (15 euro); la terapia per una mamma sieropositiva durante la gravidanza e il parto (50 euro); le cure e l’accompagnamento per una mamma sieropositiva e il suo bambino dal parto ai primi 3 mesi di vita del bambino (100 euro); “salva la vita di un bambino” la terapia completa dalla nascita ai due anni di vita (360 euro).

Segnala la tua donazione, il tuo nome e il nome del destinatario del tuo regalo a info@celim.it e noi invieremo la tua cartolina di auguri al destinatario del tuo regalo.

Per info contattare il Celim, via S. Calimero, 11/13 Milano (tel. 02.58316324; celim@celim.it)

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi