Gli orientamenti della Chiesa sulle tematiche d’attualità al centro dell’iniziativa promossa dal Centro cattolico culturale “La Piazza” dal titolo “Il mondo che vorrei”

Festival della fede

Anche nel 2018 ritorna il Festival della Fede, esperienza che negli ultimi anni ha arricchito la Comunità pastorale Santa Croce di Garbagnate Milanese e le vicine comunità del Decanato di Bollate. Organizzato dal Centro cattolico culturale “La Piazza”, che quest’anno ha scelto come tema “Il mondo che vorrei”. Quasi un’eco alle parole dell’arcivescovo Mario Delpini: «Come deve essere la nostra Chiesa per essere fedele al suo Signore?». Il mondo interroga la fede dei credenti in cerca di risposte sulle più disparate questioni. La proposta non vuole essere esaustiva delle interrogazioni odierne, ma aiutare credenti e non a scoprire – sui temi proposti – come la pensa la Chiesa e come ci orienta la fede. «La Chiesa ha bisogno di uno sguardo di fede e di vicinanza per contemplare, commuoversi e fermarsi davanti all’altro tutte le volte che sia necessario» (Evangelii Gaudium).

Il progetto è patrocinato dal Comune, sostenuto dal Circolo Acli e da altri soggetti associativi cittadini. La manifestazione si aprirà giovedì 22 e si concluderà domenica 25 febbraio. Un ricco e articolato programma di conferenze, tavole rotonde, spettacoli, mostre e musica dal vivo, convocherà le realtà ecclesiali e laiche del Garbagnatese.

L’apertura sarà con un concerto live di musica leggera e contemporanea ispirata ai valori umani e della fede cristiana. Nelle giornate seguenti si parlerà di Fede e salvaguardia del creato; Fede e Bellezza; Fede e occultismo (tra sette religiose e magia); Fede e testimonianza; Fede e arte come terapia; Fede e psichiatria: “I deliri mistici”.

Interverranno personalità note ed esperte, tra cui Giuseppe Frangi (scrittore, critico d’arte e direttore di Vita), don Claudio Burgio (direttore della Cappella musicale del Duomo di Milano e cappellano del carcere minorile Beccaria), Pierluigi Zoccatelli (sociologo della religione e vicedirettore del Censur), Massimiliano Paganini (attore e regista), Lia Goffi (docente e critica d’arte), Enrica Fusaro (docente di Psicologia clinica), Maria Teresa Ferla (direttore dell’Unità di Psichiatria della Asst Rhodense e docente di Psicopatologia presso l’Università Bicocca di Milano).

La Santa Messa del Festival della Fede sarà celebrata da monsignor Carlo Mazza, Vescovo emerito di Fidenza. Faranno da cornice lo spettacolo teatrale Papa Francesco: tutto un altro mondo, con la compagnia teatrale “Entrata di sicurezza” diretta da Massimiliano Paganini, e le mostre allestite nelle chiese della città: “Mistero e bellezza” (opere bronzee dello scultore Alberto Ceppi, in Basilica) e “Alcuni di noi” (mostra fotografica sul volontariato, di Raoul Iacometti, autore dell’anno Fiaf 2015, nella chiesa di San Giovanni Battista). Anche le scuole cittadine saranno coinvolte.

Info tel 02.9955607; www.festivaldellafede.it

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi