Grande raduno in Brianza con 600 ragazzi di oltre 160 parrocchie nel segno della testimonianza e condivisione. La sera in programma un concerto dei “The Sun”, una rock band italiana. Parla don Massimo Donghi

di Veronica TODARO

Sono attesi centinaia di giovani, di certo un numero considerevole visti i precedenti. Perché già durante l’Avvento, nelle tre serate proposte per gli esercizi spirituali, la basilica di Giussano ha accolto circa 600 ragazzi provenienti dalla Zona pastorale V di Monza e Brianza, guidati da don Cristiano Passoni, padre spirituale del Seminario di Seveso. Ma sabato prossimo il numero è destinato a salire.

Sarà che la “Festa della fede dei giovani” del 20 aprile a Besana Brianza avrà tutti gli “ingredienti” di una festa tra giovani di fede: l’incontro, la condivisione, la testimonianza conditi da sana musica. «Nella terza tappa del cammino “Varcare la soglia: i passi della fede” – spiega don Massimo Donghi, vicario della Comunità pastorale Santa Caterina – i giovani provano, rielaborando quanto detto dall’Arcivescovo, a mostrare e raccontare “come la fede che si rende operosa per mezzo della carità diventi un nuovo criterio di intelligenza e di azione che cambia la vita dell’uomo”».

Sarà quindi una festa dell’Eucarestia («nell’anno della fede, concentrarsi sull’essenziale: il rapporto con Gesù», Angelo Scola) animata dai giovani e presieduta dal Vicario episcopale, monsignor Patrizio Garascia; sarà la festa della condivisione nel momento della fraternità della cena al sacco negli oratori («Erano perseveranti nella comunione», Atti 2,42); sarà la festa della musica con la testimonianza di come l’incontro con Gesù cambia la vita («Abbiamo una buona ragione per fare festa, abbiamo una buona ragione per essere lieti e fiduciosi: crediamo in Dio, il Dio vicino che ci ama e ci salva», Salmo 126).

Proprio la musica sarà una delle protagoniste della festa con la partecipazione della rock band italiana “The Sun”. «Un’icona molto bella del cammino dei giovani nell’anno della fede è stata il viaggio – continua don Massimo -. Anche l’Arcivescovo, nel suo secondo dialogo il 14 febbraio alla Malpensa, si è soffermato sulla categoria del viaggio dicendo ai giovani che è fondamentale precisare la destinazione perché è questo che fa la differenza tra l’essere vagabondi o pellegrini. I “The Sun” hanno viaggiato molto nella loro giovane storia di successo. Sono un gruppo che ha alle spalle un percorso, a partire dall’esordio nel 1997, con un altro nome e un altro genere di musica, un rock più duro, tournée in giro per il mondo, collaborazioni importanti. Ora credo non siano più “vagabondi” e la serata del 20 aprile al palazzetto di Besana Brianza servirà a “raccontarsi” ai giovani presenti attraverso la testimonianza della loro vita e del loro cambiamento».

I ragazzi di Besana in particolare, arriveranno alla festa dopo una settimana intensa. Da martedì infatti inizierà infatti la settimana vocazionale, in preparazione all’ordinazione sacerdotale di due giovani besanesi, don Marco Mambretti e don Edoardo Gnocchini, per arrivare domenica 21 alla Giornata mondiale delle vocazioni.

In questo contesto si inserisce la “Festa della fede dei giovani”, un tassello importante che coinvolgerà i decanati di Cantù e Mariano Comense, Carate Brianza, Desio, Lissone, Monza, Seregno, Seveso, Vimercate. I giovani di oltre 160 parrocchie provenienti dai 55 comuni della provincia di Monza e della Brianza e dalla zona del comasco si riverseranno a Besana sabato prossimo. L’organizzazione è quindi al lavoro da tempo. Lunedì 15 si riunirà la consulta di Pastorale giovanile del decanato di Carate per coordinare la buona riuscita della festa. Il primo obiettivo è quello di capire quanti giovani arriveranno, per avere un’idea sul numero di persone da gestire e degli spazi da predisporre. Di certo sarà un bel successo.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi