Redazione

Proseguendo il programma avviato con l’Avvento 2009, il sito internet del Pontificio Istituto Ambrosiano di Musica Sacra – nella pagina “Liturgia del giorno” – diffonde strumenti utili per l’animazione del “nuovo” tempo dopo l’Epifania e la conoscenza della tradizione celebrativa milanese.
Questi strumenti consistono in:
– una scheda musicale realizzata in collaborazione con la Diocesi di Milano (Servizio per la Pastorale liturgica – Sezione di Musica sacra) e quella di Lugano (Centro Liturgia – Commissione di Musica sacra), che per ogni celebrazione domenicale riporta due proposte per il Salmo e lo schema delle letture secondo il rito ambrosiano, seguito da una breve riflessione sul tema del giorno tratta dalle opere di S. Ambrogio;
– la prosecuzione della pubblicazione di pagine tratte dall’inedito Prontuario di canti ambrosiani realizzato da monsignor Ernesto T. Moneta Caglio, preside dell’Istituto (1955-1984) e celebre musicologo ambrosianista, presentando canti ambrosiani trascritti in notazione moderna per favorire quanti non sono in grado di leggere correntemente la consueta notazione quadrata, peraltro sconosciuta alle fonti autentiche del canto ambrosiano;
– le melodie per il canto dell’ordinario della messa contenute nel repertorio liturgico-musicale Psallite Deo nostro (Lucca, Lim, 2000) promosso dal Piams (omaggio a monsignor Luciano Migliavacca per il suo 90° compleanno): il canto delle parti comuni da parte del presidente e dell’assemblea costituisce il primo grado di partecipazione alla celebrazione eucaristica in canto (cfr Istruzione De musica sacra [1958], nn. 25 a-b; Istruzione Musicam sacram [1967], nn. 27-29) e il primo livello da raggiungere nell’educazione dei fedeli e delle scholae.
Sono stati inoltre pubblicati il Calendario liturgico a fogli settimanali per il tempo dopo l’Epifania (disponibile presso la Segreteria anche in formato cartaceo) e i Fogli per le letture domenicali e festive in quattro lingue (inglese, francese, tedesco e spagnolo), secondo il nuovo Lezionario ambrosiano, sia in formato bilingue, per le assemblee di lingua italiana con la presenza di stranieri, sia in quello monolingua, per le comunità che celebrano in lingua straniera.
La fornitura di questo materiale risponde alle finalità istituzionali del Piams, che da oltre 75 anni abbina una specifica attività di ricerca sul rito e sul canto ambrosiani all’attività accademica e alla formazione permanente per i servizi ecclesiali e l’attività professionale, dando inoltre vita a specifiche iniziative di documentazione e diffusione del patrimonio liturgico-musicale ambrosiano.
Per questi motivi, in occasione delle festività natalizie, il cardinale Tettamanzi, Gran Cancelliere, ha ringraziato il Piams per «il prezioso servizio reso alla musica sacra come tesoro della nostra liturgia ambrosiana».
Per maggiori informazioni consultare il sito del Piams. Proseguendo il programma avviato con l’Avvento 2009, il sito internet del Pontificio Istituto Ambrosiano di Musica Sacra – nella pagina “Liturgia del giorno” – diffonde strumenti utili per l’animazione del “nuovo” tempo dopo l’Epifania e la conoscenza della tradizione celebrativa milanese.Questi strumenti consistono in:- una scheda musicale realizzata in collaborazione con la Diocesi di Milano (Servizio per la Pastorale liturgica – Sezione di Musica sacra) e quella di Lugano (Centro Liturgia – Commissione di Musica sacra), che per ogni celebrazione domenicale riporta due proposte per il Salmo e lo schema delle letture secondo il rito ambrosiano, seguito da una breve riflessione sul tema del giorno tratta dalle opere di S. Ambrogio;- la prosecuzione della pubblicazione di pagine tratte dall’inedito Prontuario di canti ambrosiani realizzato da monsignor Ernesto T. Moneta Caglio, preside dell’Istituto (1955-1984) e celebre musicologo ambrosianista, presentando canti ambrosiani trascritti in notazione moderna per favorire quanti non sono in grado di leggere correntemente la consueta notazione quadrata, peraltro sconosciuta alle fonti autentiche del canto ambrosiano;- le melodie per il canto dell’ordinario della messa contenute nel repertorio liturgico-musicale Psallite Deo nostro (Lucca, Lim, 2000) promosso dal Piams (omaggio a monsignor Luciano Migliavacca per il suo 90° compleanno): il canto delle parti comuni da parte del presidente e dell’assemblea costituisce il primo grado di partecipazione alla celebrazione eucaristica in canto (cfr Istruzione De musica sacra [1958], nn. 25 a-b; Istruzione Musicam sacram [1967], nn. 27-29) e il primo livello da raggiungere nell’educazione dei fedeli e delle scholae.Sono stati inoltre pubblicati il Calendario liturgico a fogli settimanali per il tempo dopo l’Epifania (disponibile presso la Segreteria anche in formato cartaceo) e i Fogli per le letture domenicali e festive in quattro lingue (inglese, francese, tedesco e spagnolo), secondo il nuovo Lezionario ambrosiano, sia in formato bilingue, per le assemblee di lingua italiana con la presenza di stranieri, sia in quello monolingua, per le comunità che celebrano in lingua straniera.La fornitura di questo materiale risponde alle finalità istituzionali del Piams, che da oltre 75 anni abbina una specifica attività di ricerca sul rito e sul canto ambrosiani all’attività accademica e alla formazione permanente per i servizi ecclesiali e l’attività professionale, dando inoltre vita a specifiche iniziative di documentazione e diffusione del patrimonio liturgico-musicale ambrosiano.Per questi motivi, in occasione delle festività natalizie, il cardinale Tettamanzi, Gran Cancelliere, ha ringraziato il Piams per «il prezioso servizio reso alla musica sacra come tesoro della nostra liturgia ambrosiana».Per maggiori informazioni consultare il sito del Piams.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi