Redazione

Il Consultorio familiare – Fondazione Camen di Milano ha organizzato, presso la scuola dell’infanzia S. Maria al Naviglio (Alzaia Naviglio Grande 68, Milano) una serie di incontri per genitori, operatori sociali, educatori, dal titolo “Il coraggio di educare: prevenzione al disagio infantile ed adolescenziale”. Il prossimo appuntamento si terrà giovedì 11 febbraio, alle 20.45, sul tema “Dinamiche relazionali in famiglia – figli unici o fratelli?”, con la dottoressa Debora Nava, psicologa dello sviluppo. Altri due incontri sono in programma, sempre alle 20.45, giovedì 25 febbraio (con il dottor Giorgio Leonardi, neuropsichiatra infantile) e giovedì 4 marzo (con il dottor Ezio Aceti, psicologo e psicoterapeuta).
Il progetto è pensato per migliorare le competenze genitoriali ed educative degli adulti. La nostra società è stata recentemente caratterizzata da profonde trasformazioni sociali e culturali che hanno condizionato notevolmente l’evolversi della famiglia e hanno agito in negativo sulle condizioni di adulti e bambini. Aiutare i genitori nel loro compito è promuovere una maggiore conoscenza delle problematiche connesse alla genitorialità, con particolare riguardo ai primi anni di vita del bambino e allo stato adolescenziale. Tali periodi infatti coincidono in modo indelebile nel positivo o nel negativo sullo sviluppo complessivo della persona per tutto il suo intero ciclo vitale. Il Consultorio familiare – Fondazione Camen di Milano ha organizzato, presso la scuola dell’infanzia S. Maria al Naviglio (Alzaia Naviglio Grande 68, Milano) una serie di incontri per genitori, operatori sociali, educatori, dal titolo “Il coraggio di educare: prevenzione al disagio infantile ed adolescenziale”. Il prossimo appuntamento si terrà giovedì 11 febbraio, alle 20.45, sul tema “Dinamiche relazionali in famiglia – figli unici o fratelli?”, con la dottoressa Debora Nava, psicologa dello sviluppo. Altri due incontri sono in programma, sempre alle 20.45, giovedì 25 febbraio (con il dottor Giorgio Leonardi, neuropsichiatra infantile) e giovedì 4 marzo (con il dottor Ezio Aceti, psicologo e psicoterapeuta).Il progetto è pensato per migliorare le competenze genitoriali ed educative degli adulti. La nostra società è stata recentemente caratterizzata da profonde trasformazioni sociali e culturali che hanno condizionato notevolmente l’evolversi della famiglia e hanno agito in negativo sulle condizioni di adulti e bambini. Aiutare i genitori nel loro compito è promuovere una maggiore conoscenza delle problematiche connesse alla genitorialità, con particolare riguardo ai primi anni di vita del bambino e allo stato adolescenziale. Tali periodi infatti coincidono in modo indelebile nel positivo o nel negativo sullo sviluppo complessivo della persona per tutto il suo intero ciclo vitale.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi