Mercoledì scorso il cardinale Tettamanzi ha concluso in Duomo l'Assemblea del clero. Un cammino che ha coinvolto l'intero presbiterio ambrosiano e che proseguirà nel prossimo anno

Pino NARDI
Redazione

Una Chiesa della missione, che punti all’essenziale evangelico «attraverso scelte di saggia e coraggiosa sobrietà pastorale». Mercoledì scorso il cardinale Tettamanzi ha concluso l’Assemblea del clero, in Duomo, davanti ai sacerdoti della diocesi che in questo anno hanno riflettuto ed espresso sollecitazioni e preoccupazioni.
Un momento di franco confronto, lo aveva definito l’Arcivescovo, è così è stato. Proprio a loro, stretti collaboratori del vescovo, ha indicato il cammino della comunità ambrosiana con l’icona della Chiesa di Antiochia «come regola pastorale per un fiducioso e coraggioso rinnovamento comunionale e missionario». «Quella di Antiochia ci si presenta come una Chiesa giovane, viva, missionaria. E questo può essere di forte stimolo nei confronti di una Chiesa – come la nostra e in genere quella dei Paesi occidentali – che rischia di vivere un periodo di vecchiezza, di ripiegamento, di scarsa e timida testimonianza evangelica, nonostante l’imponenza delle sue strutture e la molteplicità delle sue iniziative. Un ritorno alle sorgenti della Chiesa, senza minimamente rinnegare ma anzi valorizzando il cammino di secoli, non può che stimolarci e aprirci a una stagione di rinnovamento». Da qui discendono due messaggi.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi