Partito oggi il pellegrinaggio di cento sacerdoti dei primi cinque anni di ordinazione, guidati dal cardinale Tettamanzi sulle orme di San Paolo in un Paese a forte maggioranza islamica. Le principali tappe del viaggio, che venerdì 24 aprile culminerà nell'incontro a Istanbul con il Patriarca Bartolomeo

Davide MILANI
Redazione

Cento giovani preti ambrosiani pellegrini in Turchia alla scoperta delle radici del cristianesimo, in una terra dove la fede in Gesù Cristo è esperienza di esigua minoranza e dove ancora – come il recente martirio di don�Andrea Santoro ricorda – per la propria fede cristiana si può morire.
È iniziato all’alba di oggi il pellegrinaggio in Turchia – guidato dall’Arcivescovo di Milano, cardinale Dionigi Tettamanzi – di 100 giovani sacerdoti ambrosiani sulle orme di Paolo. L’iniziativa è proposta dall’Ismi (espressione della Formazione permanente del clero per la cura dei preti all’inizio del loro ministero sacerdotale) e si configura come un’esperienza spirituale forte, proposta quasi al termine dell’anno che il Santo Padre Benedetto XVI ha voluto dedicare alla riflessione sulla figura dell’Apostolo Paolo.
Quello cominciato oggi è un pellegrinaggio caratterizzato dalla visita ai luoghi che furono teatro della missione e dell’annuncio di San Paolo, dalla possibilità di conoscere l’esperienza di minoranza della Chiesa cattolica in un Paese a grande maggioranza islamica e dall’incontro con il patriarca ortodosso di Costantinopoli Bartolomeo I.
A guidare il pellegrinaggio, insieme al cardinale Tettamanzi, ci sono monsignor Carlo Maria Redaelli, vicario generale della Diocesi, monsignor Peppino Maffi, vicario episcopale per la formazione permanente del clero, don Pierantonio Tremolada e don Antonio Torresin dell’Ismi e i vicari di zona monsignor Bruno Molinari (Lecco) e monsignor Armando Cattaneo (Monza). Preziosa anche la presenza di don Romano Martinelli, padre spirituale del Seminario, e di don Ezio Brambilla, monaco a Canzo, mentre don Gianfranco Bottoni aiuterà i pellegrini a prepararsi all’incontro ecumenico con il Patriarca.
La giornata di oggi, lunedì, culminerà con la celebrazione eucaristica presieduta dal cardinale Tettamanzi alle 19 a Iskenderun. Domani, martedì 21 aprile, il gruppo si trasferirà a Tarso, dove incontrerà il vescovo locale (di origine milanese) monsignor Luigi Padovese, che offrirà la sua meditazione su “Tarso: le radici dell’identità cristiana e a apostolica di Paolo”.
Mercoledì 22 aprile, ad Antiochia, è in programma la meditazione sul tema della missione in Paolo e la visita alla città, mentre giovedì 23 aprile, a Iskenderun, i preti milanesi si confronteranno con la Chiesa locale sul tema “La situazione attuale della Chiesa in Turchia” con le testimonianze di don Giuliano Lonati (prete ambrosiano missionario in Turchia) e di altri missionari italiani attivi in zona. In serata, dialogo tra il cardinale Tettamanzi e monsignor Padovese sul tema “Uno sguardo alla missione della Chiesa oggi: l’Oriente e l’Occidente davanti al Vangelo”.
Venerdì 24 aprile, infine, a Istanbul, incontro del cardinale Tettamanzi e di tutto il gruppo dei preti milanesi con Sua Santità Bartolomeo I, patriarca di Costantinopoli. Cento giovani preti ambrosiani pellegrini in Turchia alla scoperta delle radici del cristianesimo, in una terra dove la fede in Gesù Cristo è esperienza di esigua minoranza e dove ancora – come il recente martirio di don�Andrea Santoro ricorda – per la propria fede cristiana si può morire.È iniziato all’alba di oggi il pellegrinaggio in Turchia – guidato dall’Arcivescovo di Milano, cardinale Dionigi Tettamanzi – di 100 giovani sacerdoti ambrosiani sulle orme di Paolo. L’iniziativa è proposta dall’Ismi (espressione della Formazione permanente del clero per la cura dei preti all’inizio del loro ministero sacerdotale) e si configura come un’esperienza spirituale forte, proposta quasi al termine dell’anno che il Santo Padre Benedetto XVI ha voluto dedicare alla riflessione sulla figura dell’Apostolo Paolo.Quello cominciato oggi è un pellegrinaggio caratterizzato dalla visita ai luoghi che furono teatro della missione e dell’annuncio di San Paolo, dalla possibilità di conoscere l’esperienza di minoranza della Chiesa cattolica in un Paese a grande maggioranza islamica e dall’incontro con il patriarca ortodosso di Costantinopoli Bartolomeo I.A guidare il pellegrinaggio, insieme al cardinale Tettamanzi, ci sono monsignor Carlo Maria Redaelli, vicario generale della Diocesi, monsignor Peppino Maffi, vicario episcopale per la formazione permanente del clero, don Pierantonio Tremolada e don Antonio Torresin dell’Ismi e i vicari di zona monsignor Bruno Molinari (Lecco) e monsignor Armando Cattaneo (Monza). Preziosa anche la presenza di don Romano Martinelli, padre spirituale del Seminario, e di don Ezio Brambilla, monaco a Canzo, mentre don Gianfranco Bottoni aiuterà i pellegrini a prepararsi all’incontro ecumenico con il Patriarca.La giornata di oggi, lunedì, culminerà con la celebrazione eucaristica presieduta dal cardinale Tettamanzi alle 19 a Iskenderun. Domani, martedì 21 aprile, il gruppo si trasferirà a Tarso, dove incontrerà il vescovo locale (di origine milanese) monsignor Luigi Padovese, che offrirà la sua meditazione su “Tarso: le radici dell’identità cristiana e a apostolica di Paolo”.Mercoledì 22 aprile, ad Antiochia, è in programma la meditazione sul tema della missione in Paolo e la visita alla città, mentre giovedì 23 aprile, a Iskenderun, i preti milanesi si confronteranno con la Chiesa locale sul tema “La situazione attuale della Chiesa in Turchia” con le testimonianze di don Giuliano Lonati (prete ambrosiano missionario in Turchia) e di altri missionari italiani attivi in zona. In serata, dialogo tra il cardinale Tettamanzi e monsignor Padovese sul tema “Uno sguardo alla missione della Chiesa oggi: l’Oriente e l’Occidente davanti al Vangelo”.Venerdì 24 aprile, infine, a Istanbul, incontro del cardinale Tettamanzi e di tutto il gruppo dei preti milanesi con Sua Santità Bartolomeo I, patriarca di Costantinopoli. – Giorno per giorno il diario del pellegrinaggio24 aprileIstanbul – Incontro con il Patriarca Ecumenico Bartolomeo Il saluto del card. Tettamanzi Don Bottoni: Cattolici e ortodossi, un rapporto privilegiato tra le Chiese sorelle Photogallery – 23 aprileISKENDERUN – «Eminenza, ci regali uno dei suoi sacerdoti» Don Lonati: la sfida di predicare il Vangelo ai musulmani Don Pierantonio Tremolada: cosa ci sta insegnando il pellegrinaggio Photogallery – 22 aprileANTIOCHIA – «Siate compagni di viaggio di tutti e cittadini esemplari» «L”apostolo e la comunità. Meditazione del card. Tettamanzi Photogallery Don Isacco Pagani: «Cristiani in Turchia, un piccolo seme che dà comunque testimonianza» Don Paolo Poli: «Che emozione quelle campane udite a messa nella chiesa-museo di Tarso» – 21 aprileTARSO – Suore a Tarso, “piccolo gregge” nella città di Paolo Pellegrini alla casa di Paolo: intervista all’Arcivescovo Messa a Tarso: omelia del Cardinale Photogallery dei primi giorni di pellegrinaggio – 20 aprileISKENDERUN – «Occhio alla palla!» Accoglienza da “oratorio” – L’ARRIVO IN TURCHIA – Alla scoperta della Chiesa in Turchia – Bartolomeo, la Chiesa Ortodossa, la Chiesa Cattolica, la Diocesi di Milano –

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi