L'Arcivescovo è stato nominato dal Papa membro del Comitato di presidenza, a sottolineare l'attenzione specifica da lui riservata a questo tema nel Percorso pastorale diocesano del triennio 2006-2009. Nel 2012, poi, Milano ospiterà l'Incontro mondiale delle famiglie


Redazione

Papa Benedetto XVI ha nominato il cardinale Dionigi Tettamanzi, arcivescovo di Milano, membro del Comitato di presidenza del Pontificio consiglio per la famiglia, insieme ad altri prelati (l’arcivescovo di Edimburgo Keith Michael Patrick O’Brien, quello di Boston Sean Patrick O’Malley, quello di San Paolo del Brasile Odilo Pedro Scherer, il patriarca di Gerusalemme dei Latini Fouad Twal, il filippino Socrates B.Villegas e lo spagnolo Francisco Gil Hellin) che sostituiranno membri il cui mandato quinquennale è scaduto.
La nomina del Papa sottolinea l’attenzione specifica riservata dall’Arcivescovo al tema della famiglia. Attenzione concretizzatasi nel Percorso pastorale triennale 2006-2009 “Famiglia diventa l’anima del mondo”, e che è alla base della decisione dello stesso Benedetto XVI di assegnare a Milano l’Incontro mondiale delle famiglie in programma nel 2012. L’organizzazione di questo evento è partita con la recente nomina di monsignor Erminio De Scalzi, vescovo ausiliare e vicario episcopale del cardinale Tettamanzi per la città di Milano, a delegato arcivescovile «con il compito di accompagnare i lavori preparatori».
Il Papa ha anche nominato nuovi membri ordinari e consultori del Pontificio consiglio. Tra questi ultimi – rimanendo alle nomine italiane – figurano i sociologi Pierpaolo Donati e Francesco Belletti; l’economista Stefano Zamagni; la psicologa Eugenia Scabini; Salvatore Martinez (fondatore del “Rinnovamento nello Spirito”, in qualità di presidente dell’Istituto di Promozione Umana “Mons. Francesco di Vincenzo”), monsignor Livio Melina (preside del Pontificio Istituto “Giovanni Paolo II” per studi su matrimonio e famiglia) e padre Edoardo Scognamiglio, ministro provinciale dei Frati Minori Conventuali di Napoli. Papa Benedetto XVI ha nominato il cardinale Dionigi Tettamanzi, arcivescovo di Milano, membro del Comitato di presidenza del Pontificio consiglio per la famiglia, insieme ad altri prelati (l’arcivescovo di Edimburgo Keith Michael Patrick O’Brien, quello di Boston Sean Patrick O’Malley, quello di San Paolo del Brasile Odilo Pedro Scherer, il patriarca di Gerusalemme dei Latini Fouad Twal, il filippino Socrates B.Villegas e lo spagnolo Francisco Gil Hellin) che sostituiranno membri il cui mandato quinquennale è scaduto.La nomina del Papa sottolinea l’attenzione specifica riservata dall’Arcivescovo al tema della famiglia. Attenzione concretizzatasi nel Percorso pastorale triennale 2006-2009 “Famiglia diventa l’anima del mondo”, e che è alla base della decisione dello stesso Benedetto XVI di assegnare a Milano l’Incontro mondiale delle famiglie in programma nel 2012. L’organizzazione di questo evento è partita con la recente nomina di monsignor Erminio De Scalzi, vescovo ausiliare e vicario episcopale del cardinale Tettamanzi per la città di Milano, a delegato arcivescovile «con il compito di accompagnare i lavori preparatori».Il Papa ha anche nominato nuovi membri ordinari e consultori del Pontificio consiglio. Tra questi ultimi – rimanendo alle nomine italiane – figurano i sociologi Pierpaolo Donati e Francesco Belletti; l’economista Stefano Zamagni; la psicologa Eugenia Scabini; Salvatore Martinez (fondatore del “Rinnovamento nello Spirito”, in qualità di presidente dell’Istituto di Promozione Umana “Mons. Francesco di Vincenzo”), monsignor Livio Melina (preside del Pontificio Istituto “Giovanni Paolo II” per studi su matrimonio e famiglia) e padre Edoardo Scognamiglio, ministro provinciale dei Frati Minori Conventuali di Napoli.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi