È questo l'obiettivo della Giornata diocesana di domenica 21 settembre, nella quale tutta la comunità ambrosiana è invitata alla preghiera e alla solidarietà concreta per l'istituzione che forma i sacerdoti di domani. In tutte le parrocchie, il primo giovedì di ogni mese, promossa un'adorazione eucaristica per il dono di nuove vocazioni


Redazione

17/09/2008

di Ylenia SPINELLI

Un appuntamento che annualmente si rinnova e che porta in sé grande speranza per il futuro della Chiesa: è la Giornata per il Seminario che la nostra Diocesi celebrerà domenica 21 settembre. Tutte le comunità ambrosiane sono invitate a pregare per i giovani seminaristi che si stanno preparando alla consacrazione sacerdotale e a dimostrare, anche con un’offerta generosa, la loro vicinanza alle necessità concrete del Seminario.

«In questa occasione – spiega monsignor Peppino Maffi, rettore dei Seminari milanesi -, da una parte si chiede al Signore di prendersi cura dei suoi seminaristi e dei suoi preti, dall’altra si vuole ricordare a tutte le comunità cristiane l’importante ruolo del sacerdote e il servizio che è chiamato svolgere ogni giorno per il loro cammino di fede».

Nel Messaggio alla Diocesi per questa Giornata, l’Arcivescovo invita a rileggere il Vangelo di Marco, al capitolo terzo, dove si racconta dell’elezione dei dodici Apostoli. Èinfatti dal versetto 14 che è tratto il motto di quest’anno: “…perché stessero con lui”, un chiaro invito a tutti coloro che il Signore ha chiamato e chiamerà al ministero sacerdotale, affinché si lascino attirare da lui, non per separarsi dal mondo, ma per ritornarvi con la potenza della redenzione.

«Il cardinale Tettamanzi – continua monsignor Maffi – nel suo Messaggio ha voluto sottolineare il fatto che Gesù ha chiamato i dodici sul monte dove era andato a pregare e li ha scelti: primo perché stessero con lui e imparassero da lui, poi perché portassero il suo Vangelo e si prendessero cura anche dei loro fratelli». Si può infatti essere annunciatori del Vangelo solo se si è stati con Gesù e questo è anche il compito di ogni seminarista e sacerdote.

Inoltre, nel suo Messaggio, il Cardinale invita tutte le comunità parrocchiali a prevedere, ogni primo giovedì del mese, un’adorazione eucaristica per il dono di nuove vocazioni e per la santificazione dei sacerdoti. A questo proposito, anche la comunità del Seminario di Seveso, a partire da giovedì 2 ottobre, promuove una serata di adorazione eucaristica e di preghiera insieme ai seminaristi, aperta a tutti.

E nonostante la diminuzione del numero delle vocazioni sacerdotali, soprattutto in rapporto a qualche decennio fa, l’attaccamento al Seminario rimane molto forte. «Preferirei parlare di assestamento del numero dei seminaristi – precisa monsignor Maffi -: quest’anno ne sono entrati in Seminario 27, ma riceviamo moltissime richieste e sono tanti i ragazzi che arrivano al discernimento. Inoltre mi piace ricordare il grande successo degli incontri dei gruppi di adolescenti e giovani della Diocesi con i nostri seminaristi e l’équipe vocazionale. Dati alla mano, lo scorso anno sono passati dal Seminario più di 5 mila ragazzi».

Un altro segno del forte legame tra Seminario e Diocesi è la Missione Vocazionale. «Dal 20 al 23 settembre – ricorda il Rettore – ben 66 seminaristi verranno ospitati nelle famiglie delle parrocchie di Erba e avranno l’opportunità di parlare della loro scelta di vita e di confrontarsi con i giovani nelle scuole e negli oratori».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi