Sabato 6 settembre, in S. Marco a Milano, celebrazione per tutti i docenti di ogni ordine e grado delle scuole statali e paritarie


Redazione

03/09/2008

Sabato 6 settembre alle 18.30, presso la chiesa di S. Marco a Milano, monsignor Carlo Faccendini, Vicario episcopale per l’educazione scolastica, presiederà una Messa per tutti gli insegnanti di religione di ogni ordine e grado delle scuole statali e paritarie.

«Alla celebrazione sono invitati anche i titolari di classe delle scuole primarie e dell’infanzia che insegnano ai loro alunni anche religione», fa sapere don Michele Di Tolve, responsabile del Servizio Irc della diocesi.

Ci saranno novità per il 2008-09? «Grazie al nuovo Percorso pastorale che il cardinale Tettamanzi inaugurerà l’8 settembre – risponde don Michele -, la scuola è posta all’interno della pastorale come punto di riferimento importante per la famiglia».

L’Arcivescovo dice infatti che «la famiglia non può fare a meno della scuola, ma è anche vero che la scuola non può fare a meno della famiglia». Gli insegnanti di religione cattolica (idr) sono invitati «a essere i facilitatori dell’alleanza educativa tra scuola, parrocchia, famiglia e territorio».

Questo per due motivi, spiega Di Tolve: «L’idr, insegnando in 18 classi, ha molte relazioni e ciò gli permette di conoscere bene la situazione dei ragazzi e delle loro famiglie». Non solo. «La sua formazione pedagogico-didattico, oltre che teologica, lo rende capace di creare un “ponte” tra scuola, parrocchia e famiglia».

Tra gli “idr” ci saranno anche nuovi ingressi, oltre a diversi laici anche una trentina di sacerdoti, «che con uno slancio di generosità hanno accettato alcuni “spezzoni” di orario».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi