Nominato da Benedetto XVI, il vescovo di Noto, 55 anni, succede a monsignor Betori, recentemente divenuto arcivescovo di Firenze. Assumerà l'incarico il 20 ottobre


Redazione

25/09/2008

Monsignor Mariano Crociata, vescovo di Noto, è il nuovo Segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana: Benedetto XVI l’ha nominato oggi per il prossimo quinquennio. È l’undicesimo segretario generale della Cei, prende il posto di monsignor Giuseppe Betori, recentemente nominato arcivescovo di Firenze, e assumerà l’incarico il 20 ottobre.

Monsignor Crociata è nato a Castelvetrano (Trapani) il 16 marzo 1953. Ha studiato nel Seminario vescovile di Mazara del Vallo e ha conseguito la maturità classica presso il Liceo statale. Èstato alunno dell’Almo Collegio Capranica e ha frequentato i corsi di Filosofia e di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana di Roma, conseguendo il dottorato in Teologia con la pubblicazione della tesi su “Umanesimo e teologia in Agostino Steuco”. Èstato ordinato sacerdote il 29 giugno 1979.

Tra gli incarichi ricoperti, oltre a quello di parroco a Marinella di Selinunte dal 1985 al 1989 e poi di arciprete-parroco della chiesa madre di Marsala fino al 2003, quello di direttore dell’Ufficio catechistico di Mazara del Vallo dal 1983 al 1986 e quello di assistente diocesano dell’Azione Cattolica. Inoltre è stato membro della Commissione centrale nel Sinodo diocesano della Chiesa mazarese, del direttivo nel Consiglio presbiterale diocesano e del Consiglio dei consultori.

Docente di teologia fondamentale alla Pontificia Facoltà Teologica di Sicilia e direttore del Dipartimento di teologia delle religioni presso la stessa Facoltà, monsignor Crociata ha pubblicato diversi manuali di teologia e ha insegnato Teologia fondamentale e cristologia all’Istituto di scienze religiose di Mazara del Vallo.

Èautore di articoli sul dialogo interreligioso e di pubblicazioni di carattere teologico. Dal 2003 vicario generale della diocesi mazarese, è stato consacrato vescovo il 6 ottobre 2007 nella cattedrale di Noto.

«Gioia e riconoscenza» per la nomina di monsignor Crociata sono state manifestate dal cardinale Angelo Bagnasco, presidente dei vescovi italiani, che ha dato la notizia a tutto il personale della Cei e ai vescovi del Consiglio episcopale permanente. Bagnasco ha dichiarato che «il profilo intellettuale e spirituale di mons. Crociata, avvalorato dall’esperienza pastorale maturata nel governo della diocesi di Noto e prima ancora come Vicario generale della diocesi di Mazara del Vallo, costituisce la migliore garanzia per l’importante incarico a lui affidato per il servizio alle Chiese che sono in Italia».

Monsignor Crociata, ha proseguito il cardinale Bagnasco, «potrà contare sulla stima cordiale della Presidenza e del Cep e potrà avvalersi del sostegno degli Uffici e dei Servizi della Segreteria Generale, affidata alla sua diretta responsabilità. La riconoscenza nei suoi confronti si fa particolarmente intensa nella consapevolezza della testimonianza di obbedienza manifestata con la disponibilità a lasciare la cura della propria diocesi che ha avuto in lui un pastore amato e apprezzato».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi