Sarà inaugurata il 19 settembre alle 18 nell'aula magna del liceo scientifico milanese, a ottobre i pannelli saranno esposti in parrocchia, a novembre andranno a San Carlo al Lazzaretto, poi sarà permanente a scuola


Redazione

17/09/2008

di Luisa BOVE

Sarà inaugurata il 19 settembre alle 18, presso l’aula magna del liceo scientifico statale “Alessandro Volta” di Milano (via Benedetto Marcello 7), la mostra intitolata “Il secolo di San Gregorio”. A lanciare l’idea un anno fa è stata l’insegnante di religione Lauretta Martinelli che per curiosità e per scarsa conoscenza del quartiere (date le sue origini piemontesi) ha pensato che valesse la pena approfondire anche con i suoi alunni le conoscenze storiche, religiose e artistiche del territorio.

«I nostri ragazzi – ammette la professoressa – passano tutte le mattine nelle vie intitolate a personaggi come Alessandro Tadino, medico citato nei “Promessi sposi”, o Lazzaro Palazzi, architetto del Lazzaretto, senza conoscerli o saperli collocare storicamente». Di fronte ai tanti possibili approfondimenti l’insegnante di religione (idr) Martinelli non ha avuto dubbi e ha scelto «la storia della chiesa di San Gregorio che è vicina alla nostra scuola e sorge sul territorio dell’ex cimitero del Lazzaretto».

L’idr ha infatti pensato che dal punto di vista didattico poteva essere uno spunto interessante per gli studenti di seconda e quinta superiore che studiano Alessandro Manzoni. «Così ho chiesto ad altri miei colleghi di lettere, storia dell’arte, storia e l’altra insegnante di religione di realizzare insieme un lavoro interdisciplinare». E così è stato. Da ottobre 2007 fino al giugno di quest’anno alunni e docenti hanno quindi lavorato sodo, anche in orari extrascolastici. I ragazzi del Volta hanno studiato, fatto sopralluoghi, visitato la chiesa e la cripta, scattato fotografie, consultato archivi fino a realizzare 27 pannelli (70X100 cm.) arricchiti da testi, materiale iconografico e disegni realizzati da loro.

«All’inizio volevamo realizzare una mostra molto modesta, senza pretese – spiega Martinelli – poi studiando il territorio con attenzione ci siamo resi conto doveva essere qualcosa di più serio». Per questo nel progetto sono state poi coinvolte anche le terze e le quarte, ma quando i ragazzi di prima si sono accorti di essere gli unici esclusi, hanno voluto partecipare all’impresa realizzando anche loro alcuni disegni. Alla fine la mostra, che va dagli anni della peste a Milano (1575) fino alla costruzione dell’attuale chiesa di San Gregorio, ha coinvolto ben 150 alunni del liceo scientifico.

Il Civico archivio fotografico di Milano e la Fondazione Bertarelli hanno messo a disposizione foto d’epoca, stampe e incisioni, mentre il Csa di Milano, che fa capo all’Ufficio scolastico regionale, ha finanziato la mostra nell’ambito del progetto “Scuola aperta”. I pannelli resteranno esposti presso il “Volta” fino al 30 settembre, mentre per tutto il mese di ottobre la mostra sarà allestita nei locali della parrocchia di S. Gregorio (via Settala 25), dove domenica 5 ottobre la comunità festeggia i 100 anni di costruzione della chiesa.

A novembre invece i pannelli faranno tappa alla chiesa di San Carlo al Lazzaretto (largo Fra’ Paolo Bellintani), perché secondo la tradizione in quel mese venivano ricordati i morti (un tempo quelli colpiti dalla peste, poi anche i caduti delle due guerre mondiali). Da dicembre la mostra resterà permanente presso il liceo “Alessandro Volta” e, previo appuntamento, potrà essere visitata con una guida tutti i pomeriggi dalle 14.15 alle 17 (tel. 02.29406185; liceovolta@tiscalinet.it; www.liceovolta.it).

Per l’anno prossimo l’ipotesi è di realizzare un catalogo della mostra “Il secolo di San Gregorio” (volume e cd) per le scuole che andranno a visitarla.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi