Redazione

Il volto di Cristo è quello terribile e devastato dipinto da Grunewald nel 1555 per l’altare di Isenheim, ineguagliabile per impatto emotivo.Tre secoli dopo, Arnulf Rainer rielabora quell’immagine possente con colpi di colore, con segni nervosi scaturiti dall’intimo, cercando di restituire quello che il capolavoro ha perduto una volta “musealizzato”, lontano dalla mani oranti dei fedeli in preghiera: il mistero. Opera che nel silenzio parla.
(1984/89, Vienna, Galleria Ulysses).
Luca Frigerio

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi