Nell'anno in cui l'Azione Cattolica celebra i suoi 140 anni, l'edizione di quest'anno assume maggior significato. Durante le tappe a Parma, Lucca, Pistoia e Pontremoli gli ambrosiani hanno incontrato i laici di Ac


Redazione

28/07/2008

di Alberto MELZI

L’Azione Cattolica di Milano, per i propri soci adulti, organizza ogni anno una 4 gg “itinerante” nel periodo estivo. Il termine “itinerante” è dato perché durante le giornate il gruppo si sposta da una località altra per vivere con maggiore completezza la visita di splendidi luoghi d’arte, incontrare gruppi di Ac locali, cogliere elementi di spiritualità e conoscere i luoghi di vita di persone che hanno fatto della loro vita un percorso di “santità”. Quest’anno la scelta è caduta su quattro città: Parma, Lucca, Pistoia e Pontremoli. Nei giorni dal 3 al 6 luglio un gruppo di 55 persone ha effettuato questo itinerario.

Si è iniziati a Parma con la visita alla città, al suo Duomo e al Battistero. La visita al Battistero è stata speciale in quanto con l’ausilio di un teologo si sono visionate le sue forme, le sue sculture e pittore approfondendo il significato del battesimo cristiano. Poi si è visitato Lucca soffermandoci a contemplare il “Volto Santo” custodito nel Duomo e i suoi splendidi monumenti, e non è mancata una sosta sulla tomba di Santa Gemma Galgani.

Parlare di Lucca occorre segnalare l’accoglienza ricevuta per il soggiorno presso la Casa diocesana “Mons. Bartoletti” di Arliano, splendida la gestione da parte dei responsabili. La visita di Pistoia è stata più lunga in quanto oltre alla conoscenza della città vi è stato un incontro con l’associazione locale di Ac e insieme si è condiviso il pranzo nella parrocchia di Quarrata e la celebrazione della messa.

Inoltre vi sono stati nelle giornate momenti di riflessione biblica e di preghiera. In una serata, con l’aiuto di un professore dell’università di Pisa si è approfondita la figura di Giuseppe Toniolo, che ha svolto nella sua vita una esemplare testimonianza di fede cristiana e di amore alla società. Infine Pontremoli con la visita alla città nelle sue parti storiche e religiose e si sono assaggiati anche i dolci tipici chiamati “amor”. Qui l’accoglienza da parte dei soci dell’Ac pontremolese è stata ancora più calorosa e si è sperimentato il vero significato della fraternità che nasce dall’appartenenza alla stessa associazione di Ac condividendone gli identici ideali.

La celebrazione della messa nella Cattedrale e al termine il canto dell’inno a Santa Maria del Popolo è stata la migliore conclusione di questa 4 gg “itinerante”. Queste giornate vissute insieme sono state il modo più bello di sentirci parte di una grande associazione che compie i 140 anni.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi