La responsabilità aziendale di impresa, una risorsa per incentivare i dipendenti. Elaborata una ricerca per iniziare a misurare il fenomeno

di Andrea CASAVECCHIA

lavoro

Le aziende iniziano a scoprire la cultura della responsabilità sociale di impresa come risorsa per incentivare il lavoro dei dipendenti e coinvolgerli nei processi produttivi. In questo campo uno dei settori in maggiore espansione è il welfare aziendale: un modo per supportare con servizi diretti o indiretti alcuni bisogni dei lavoratori e allo stesso tempo andare loro incontro – sostengono i manager che hanno attivato iniziative simili -; un modo per costruire reti tra soggetti diversi (assicurazioni, centri di salute, enti di formazione, imprese, istituzioni pubbliche del territorio).

Per iniziare a misurare il fenomeno è stato elaborato l’indice di welfare per le piccole e medie imprese per poi testarlo in una ricerca in cui sono state coinvolte 2140 aziende, con la partecipazione di Confindustria e Confagricoltura. Si sono misurati i contenuti e l’ampiezza delle iniziative, le modalità di coinvolgimento dei lavoratori, la peculiarità dei singoli interventi. Da questo primo rapporto emerge un quadro composito che vede anche la differente predisposizione delle imprese al cambiamento. Uno dei primi criteri per valutare la presenza di iniziative di welfare aziendale è inversamente proporzionale alla dimensione dell’azienda: più sarà piccola, più sarà difficile trovarne.

La ricerca individua quattro categorie di intervento: una tocca il campo della previdenza integrativa, che coinvolge il 40,4% delle aziende interpellate; della salute, che ne coinvolge il 38,8% e delle assicurazioni per i dipendenti; un’altra categoria riguarda le iniziative sulla formazione per i dipendenti, che coinvolge il 64,1% delle imprese, e sulla sicurezza e prevenzione, il 38%; poi c’è la categoria che conta al suo interno iniziative a sostegno dei genitori, che vede impegnate il 18,5% delle aziende, e a supporto della conciliazione dei tempi di vita, che ne impegna il 4,9%; l’ultima categoria comprende il sostegno e l’integrazione sociale di soggetti deboli e iniziative di welfare allargate al territorio, che coinvolge rispettivamente il 14,1% e il 15% delle aziende.

Va osservata una differenza qualitativa tra le azioni, che svela anche un differente bagaglio di risorse culturali o tecniche presenti nelle imprese. Infatti le categorie che coinvolgono più aziende sono quelle che raccolgono interventi più semplici, perché mirano da una parte all’esternalizzazione di alcuni servizi, che spesso possono fare altri soggetti del mercato, oppure servono a migliorare direttamente la qualità del lavoro. Invece le categorie che coinvolgono meno aziende sono quelle che raccolgono interventi più complessi perché prevedono una maggiore apertura al territorio e ad altri attori presenti; perché richiedono la disponibilità a rivedere le organizzazioni e i processi lavorativi interni; e, infine, perché guardano al lavoratore nella sua totalità di persona e non solo come dipendente. Quindi hanno bisogno di un salto di qualità culturale perché la loro efficacia sia compresa. Le ultime però sono anche la nuova frontiera della responsabilità sociale di impresa.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi