L’Aseri promuove una giornata con la partecipazione di alcuni economisti di fama, a confronto sulle sfide future

Vittorio Emanuele Parsi
Vittorio Emanuele Parsi

L’Alta Scuola Aseri dell’Università Cattolica celebra i 100 anni delle relazioni internazionali nella giornata di venerdì 15 novembre, avendo come focus la loro rilevanza nell’ordine mondiale. In particolare sulla crisi dell’ordine liberale internazionale si confronteranno alcuni economisti, tra cui John Ikenberry della Princeton University, Michael Cox della London School of Economics, Matthew Evangelista della Cornell University e Vittorio Emanuele Parsi, direttore di Aseri.

Il convegno “International Relations at 100: The Liberal World Order and Beyond” si svolgerà in Cattolica (aula Pio XI, largo Gemelli 1, Milano) alle 10.30, e in Aseri (via San Vittore 18, Milano) dalle 14.30.

La prima cattedra di Relazioni internazionali fu intitolata proprio cento anni fa a Aberystwyth, Università del Galles, al presidente degli Stati Uniti Woodrow Wilson, sia per onorare il suo impegno a un ordine internazionale di pace, sia per chiarire i valori e le idee che avrebbero dovuto sostenere l’attività accademica, ossia il rifiuto della diplomazia segreta, il sostegno al disarmo e alla limitazione della guerra, il libero commercio, la libertà dei mari, la risoluzione dei conflitti territoriali e il sostegno all’autodeterminazione nazionale.

Questi concetti sono stati alla base anche del Trattato di Versailles alla fine della Prima Guerra Mondiale e dell’ordine liberale internazionale emerso dopo la Seconda. Nei decenni successivi questo insieme di regole e valori ha organizzato gli intenti della politica internazionale in tutto il mondo, ma oggi è in crisi. Una crisi che sembra essere l’effetto di crescenti divergenze tra l’Ovest e il resto del mondo proprio a proposito di quelle norme e di quei valori su cui un ordine internazionale efficace dovrebbe basarsi.

Ma se oggi questo sistema è in crisi e se i principi a esso legati sono messi in discussione (multilateralismo, sicurezza collettiva, cooperazione economica) che cosa lo potrà sostituire? «Siamo passati dall’ordine costituito dal triangolo liberale (utilizzo del mercato per tenere a bada gli eccessi della sovranità, utilizzo della sovranità degli stati per tenere a bada gli eccessi del mercato e istituzioni internazionali per costringere queste due forze a cooperare) al trilemma di Rodrick in cui i tre vertici sono stati sostituiti da democrazia, mercato aperto e sovranità – spiega Vittorio Emanuele Parsi, direttore di Aseri e promotore del convegno -. Al contrario del triangolo liberale che cercava di gestire i tre vertici per realizzare l’obiettivo del benessere, dell’uguaglianza, dell’equità del sistema, dell’opportunità per tutti di avere uguali diritti, Rodrik ci dice che nella attuale fase di iperglobalizzazione è possibile avere solo due vertici. Per esempio, se c’è apertura economica, ci può essere sovranità o democrazia, ma non le tre cose insieme. Questo è il grande cambiamento che ha provocato il calo di fiducia nei confronti dell’ordine liberale che era capace di coniugare insieme la dimensione economica e quella politica ma anche quella domestica e quella internazionale, la dimensione dei valori e quella degli interessi. Di fronte alle scarse ragioni di affidarsi ancora a un sistema che riduce sempre più i diritti di tutti, rischiamo che le persone scelgano “l’exit” votando per i cosiddetti partiti antisistema, affascinati dall’autoritarismo liberale. Ecco perché è importante riflettere sul futuro possibile dell’ordine liberale».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi