Unità, difesa delle minoranze, risorse naturali e riconciliazione: monsignor Jean Sleiman, arcivescovo latino di Baghdad, indica i fronti sui quali deve agire il Paese se vuole uscire dalla crisi in cui versa

Daniele ROCCHI
Redazione

I recenti attacchi in Iraq, con morti e feriti, contro chiese cristiane a Baghdad e Mosul hanno riproposto, in maniera drammatica, il tema della sicurezza e della stabilità non solo per i cristiani, ma anche per tutto il Paese. In Italia per una serie di incontri con la Caritas Italiana, volti a fare il punto della situazione sui programmi di aiuto, monsignor Jean Sleiman, arcivescovo latino di Baghdad, non esita a tracciare le tre priorità cui l’Iraq di oggi deve far fronte per ridare speranza al suo popolo. I recenti attacchi in Iraq, con morti e feriti, contro chiese cristiane a Baghdad e Mosul hanno riproposto, in maniera drammatica, il tema della sicurezza e della stabilità non solo per i cristiani, ma anche per tutto il Paese. In Italia per una serie di incontri con la Caritas Italiana, volti a fare il punto della situazione sui programmi di aiuto, monsignor Jean Sleiman, arcivescovo latino di Baghdad, non esita a tracciare le tre priorità cui l’Iraq di oggi deve far fronte per ridare speranza al suo popolo. Guerra annunciata «L’unità dell’Iraq è una questione molto difficile, che non si limita solo all’autonomia del Kurdistan – spiega l’arcivescovo di origini libanesi -. La stessa richiesta, infatti, è stata fatta senza successo da un partito sciita anche per il Sud del Paese, per non dimenticare il progetto della Piana di Ninive che in quella fetta di terra vorrebbe un’enclave cristiana protetta. Un progetto già bocciato due volte da tutti i vescovi iracheni, ma che purtroppo continua ad aleggiare. Ninive è una provincia la cui capitale è Mosul, finora a maggioranza sunnita, con presenza di Al Qaeda e di fondamentalisti, che non accetteranno mai questa divisione e hanno già lanciato delle minacce. L’autonomia cristiana, infatti, sarebbe sotto il governo regionale curdo. Siamo davanti a una guerra annunciata, nella quale i cristiani farebbero da cuscinetto tra curdi, la zona di Mosul e il resto della regione. Per non tacere che non tutti gli abitanti dei villaggi della zona di Ninive sono cristiani. Quella dei cristiani sarebbe solo una falsa autonomia. I cristiani, è vero, emigrano, sognano di andare altrove, hanno paura degli attacchi dei fondamentalisti; tuttavia isolarsi farebbe il loro gioco e quello dei terroristi. Non è nel dna dei cristiani isolarsi». Un governo che controlli il Paese Sul piano del diritto, sottolinea monsignor Sleiman, «spetta al governo proteggere le minoranze, e nella fattispecie quella cristiana; in tema di sicurezza sono stati raggiunti dei risultati, ma molto resta ancora da fare. La garanzia per tutti i cittadini, minoranze e non, è solo in un governo forte che abbia il controllo di tutto il Paese. Finché questo non sarà possibile, avremo sempre problemi e difficoltà. E non sarà certo la creazione di milizie armate da parte dei cristiani a risolvere il problema. Le armi sono il preludio a guerre e contrasti ancora maggiori. Al di fuori delle forze dell’ordine non ci devono essere armi».Per l’arcivescovo tutte queste cose mostrano «la difficoltà di creare l’unità nella differenza segnata da sunniti, sciiti, curdi, yazidi ed altri. L’Iraq non è l’unico Paese dove esiste il melting pot. Gli Usa ne sono un chiaro esempio e per questo dovrebbero essere i primi ad aiutare l’Iraq. Il mio timore è che se in Iraq si dovessero creare tre autonomie, Nord, Centro e Sud, la guerra civile sarebbe dietro l’angolo». Di chi è il petrolio? Altra questione sollevata da mons. Sleiman è quella legata al possesso e allo sfruttamento delle risorse naturali irachene, che poi si lega alla divisione interna. «Di chi è il petrolio?», si chiede l’arcivescovo: «Della nazione intera o degli sciiti, dei sunniti o dei curdi? Non si riesce a promulgare una legge sul petrolio anche perché c’è tensione tra il governo centrale e quello regionale curdo, che aveva cominciato a fare accordi con aziende petrolifere estere. Una situazione di stallo favorita anche da una certa ambiguità della Costituzione. E di chi è l’acqua, forse dei sunniti perché i corsi d’acqua passano nelle loro città?». «Le risorse naturali appartengono al Paese intero», è la risposta dell’arcivescovo. Riposizionamento, non ritiro Altra urgenza irachena è la riconciliazione interna: «Lasciare soli gli iracheni, da questo punto di vista potrebbe causare problemi», dichiara l’arcivescovo, riferendosi al ritiro Usa dalle grandi città. Tuttavia, puntualizza, «quello americano non è un vero ritiro, ma un ridispiegamento di forze. Gli Usa facevano anche lavoro di polizia e non credo che questo sia un compito per i marines. Difficile che questo riposizionamento delle truppe possa cambiare molto la situazione sul campo, sebbene dal punto di vista simbolico e politico sia molto importante per il governo in carica».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi