Redazione

Da alcuni anni la Fondazione Don Gnocchi ha esteso il proprio campo di intervento oltre i confini nazionali. Un impegno – sfociato nel 2001 con il riconoscimento a Organizzazione Non Governativa (Ong) da parte della Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del ministero degli Affari Esteri – che si è finora concretizzato con la realizzazione di Centri per bambini disabili in Bosnia Erzegovina (nei pressi di Mostar) ed Ecuador e di strutture per la riabilitazione di giovani e donne mutilate in Rwanda e Sierra Leone. Altri interventi sono in corso in Georgia, Ucraina, Cina e Sri Lanka. In fase di studio ci sono invece progetti per l’assistenza e la riabilitazione di disabili e anziani in Africa, in Asia, in America Latina e in altre parti del mondo.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi