Redazione

Lo studente di filosofia Jan Palach aveva vent’anni all’epoca della “Primavera di Praga” e guardò con speranza a quella stagione riformista. Per protesta contro la repressione sovietica fondò un gruppo di volontari anti-Urss. Poi, il 16 gennaio 1969, si cosparse il corpo di benzina e si diede fuoco in piazza San Venceslao. Morì tre giorni dopo. Tra i suoi appunti venne ritrovata questa dichiarazione: «Poiché i nostri popoli sono sull’orlo della disperazione e della rassegnazione, abbiamo deciso di esprimere la nostra protesta e di scuotere la coscienza del popolo. Il nostro gruppo è costituito da volontari, pronti a bruciarsi per la nostra causa…». Altri sette studenti seguirono il suo esempio e si tolsero la vita. Palach fu considerato dagli anticomunisti come un eroe e martire; anche la Chiesa cattolica lo difese, affermando che «un suicida in certi casi non scende all’inferno». Nel 1990 il presidente Václav Havel gli ha dedicato una lapide.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi