Se ne parla sabato 2 agosto, presso il Centro parrocchiale S. Alessandro�di Barzio, in convegno con gli psicologi

3400 - incroci
Redazione Diocesi

01/08/2008

«C’è un futuro per la famiglia?» è il tema del convegno che si tiene a Barzio (Lc) sabato 2 agosto dalle ore 10 alle 13 presso il Centro parrocchiale S. Alessandro (via Parrocchiale, 4).

L’incontro è promosso dal Centro Studi Psicanalisi del Rapporto di Coppia e dalla sezione Lombardia dell’Associazione Italiana Psicologi e Psichiatri Cattolici (Aippc).

Interverranno Adele Colombo, teologa e psicologa, con una riflessione biblico-teologica su «Unità, rottura e riunificazione della coppia-famiglia», Gianni Bassi e Rossana Zamburlin, del Centro Studi Psicanalisi del Rapporto di Coppia, con «Dieci idee per comunicare nella coppia e coi figli», Silvia Landra, psichiatra e consulente Caritas Ambrosiana, su «Legami familiari e sofferenza psichica».
Il dibattito sarà moderato da don Enrico Parolari, psicologo del Seminario Arcivescovile di Milano, e i lavori saranno conclusi da Tonino Cantelmi, psichiatra e presidente Aippc Roma. I referenti per la Lombardia dell’Aippc sono i coniugi Gianni Bassi e Rossan Zamburlin, i quali hanno creato il Centro Studi Psicanalisi del Rapporto di Coppia che ha due sedi: a Cremeno (Lc) in via Marconi 21 (tel. 0341.998357) e a Milano in viale Lunigiana 12 (tel. 02.66982620).

Organizzano, inoltre, la Scuola di Psicanalisi della Persona e della Coppia per operatori psicosociosanitari e pubblicano la rivista «Psicanalisi del rapporto di coppia».

Hanno scritto, tra gli altri, i volumi «La comunicazione nel rapporto di coppia» (Ed. San Paolo) e «I sentimenti nel rapporto di coppia» (Ed. San Paolo). Segreteria organizzativa del convegno: tel. 0341.998357.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi