Il presunto killer del missionario lecchese catturato insieme a un complice

Padre Fausto Tentorio

Nelle Filippine è stato arrestato il presunto assassino di padre Fausto Tentorio, il missionario lecchese nel Pime ucciso il 17 ottobre scorso. Si tratta di Jimmy Ato, catturato insieme al fratello Robert (ritenuto suo complice nell’aggressione a Tentorio) dopo una sparatoria ad Arakan, nella provincia di Nord Cotabato. Jimmy Ato sarebbe stato riconosciuto da vari testimoni: era lui il killer che sparò a padre Fausto fuori dalla sua parrocchia, mentre Robert guidava la moto su cui i due fuggirono.

Padre Tentorio aveva 59 anni ed era nelle Filippine dal 1978. Per il suo impegno in difesa degli indigeni e delle loro terre era stato più volte minacciato ed era già scampato all’imboscata di paramilitari anti-comunisti.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi