Nella serata che ogni anno celebra Giosafatte Rotondi si ricordano anche Dante, Porta e De Marchi, oltre all’anniversario del referendum istituzionale

di Alberto MANZONI

L'edizione 2020 - IMG_20200711_192125
Un momento della serata del 2020

«A mitaa strada de quell gran viacc / che femm a vun la voeulta al mond da là…»: così Carlo Porta, poco più di due secoli, fa traduceva «Nel mezzo del cammin di nostra vita» di Dante Alighieri, scomparso 700 anni orsono. I due grandi rappresentanti della letteratura milanese e di quella italiana, separati da mezzo millennio, saranno ricordati – insieme a Emilio De Marchi nel 120° della morte – domenica 11 luglio, alle 19, presso il parco parrocchiale di Dugnano (via Grandi 12), durante la XVII edizione della «serada in poesia e musica» che ricorda ogni anno il poeta Giosafatte Rotondi.

In questo 2021, tuttavia, l’associazione “Fera de Dugnan”, insieme con la parrocchia dei Santi Nazaro e Celso e il gruppo “I amis de El nost paes”, vuol fare memoria anzitutto del 75° anniversario della Repubblica Italiana e del voto alle donne nel nostro paese: per questo la serata ha come titolo Ona tosa de 75 ann.

Saranno quindi i versi in milanese di Giosafatte, la cui famiglia abitava nella villa che ora è centro parrocchiale, ad accompagnare gli altri poeti, assieme a qualche canzone popolare e d’autore.

L’ingresso è a offerta libera, con le prescritte condizioni di sicurezza.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi