Una nuova esposizione nel segno dell’arte contemporanea al Grande Museo del Duomo di MilanoL'inaugurazione il 10 agosto 2015 alle 18.30 in Sala Gian Galeazzo Visconti con un’apertura straordinaria. Un'iniziativa in collaborazione con la Galleria d'Arte Sacra dei Contemporanei di Villa Clerici.

Madonnina

Una nuova iniziativa della Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano che arricchisce la proposta del Grande Museo del Duomo nel semestre di Expo Milano 2015.

Il Consiglio d’Amministrazione della Fabbrica, ritenendo importante intraprendere una collaborazione con i musei ecclesiastici presenti sul territorio e rispondendo su questo all’invito dell’Arcivescovo di Milano Cardinale Angelo Scola, ha voluto intraprendere questo percorso con la realizzazione della mostra Immagini del Novecento. Omaggio alla Madonnina, promossa in collaborazione con la GASC – Galleria d’Arte Sacra dei Contemporanei a Villa Clerici.

L’esposizione aprirà al pubblico e sarà inaugurata lunedì 10 agosto 2015 alle ore 18.30 presso la Sala Gian Galeazzo Visconti del Grande Museo del Duomo di Milano (Palazzo Reale – Piazza del Duomo, 12), con gli interventi del Presidente della Veneranda Fabbrica Mons. Gianantonio Borgonovo e di Don Carlo Azzimonti che presenterà l’iniziativa per la Galleria d’Arte Sacra dei Contemporanei.

In occasione dell’inaugurazione, il Museo resterà aperto eccezionalmente al pubblico fino alle ore 22.30 (ultimo biglietto alle 21.30). La mostra sarà visitabile fino al 31 ottobre 2015.

Immagini del Novecento. Omaggio alla Madonnina vuol essere un omaggio a Maria. Sin dal 1774, veglia dalla Guglia Maggiore su tutta la città, accompagnando il cammino di Milano nella sua frenetica attività e, attraverso la collocazione della sua copia in scala 1:1 realizzata dall’antica Fonderia Nolana Del Giudice nel Padiglione della Veneranda Fabbrica, oggi domina idealmente anche l’Esposizione Universale.

La mostra, allestita all’interno della Sala Gian Galeazzo Visconti del Grande Museo del Duomo recentemente inaugurata, attinge tra le più significative opere della Galleria d’Arte Sacra dei Contemporanei dedicate alla Vergine, dall’Assunta di Eugenio Scorzelli all’Annunciazione di Enrico Manfrini, dall’Assunta di Francesco Messina alla Madonna con Bambino di Italo Peresson, su disegno di Trento Longaretti. Un percorso che permette di contemplare tali opere mariane con gli occhi dell’artista contemporaneo, immerso in un mondo in continua trasformazione.

La Madonna è la Stella Matutina di tutto il popolo dei credenti. Di generazione in generazione, ella continua a suscitare la riflessione di varie forme artistiche in evoluzione, chiamate a rileggere la Sua umiltà attraverso nuove modalità di espressione. È anche questo un invito a contemplare la figura della Madre di Dio nel segno del linguaggio universale dell’arte e a nutrirsi del suo “sì” che ha unito definitivamente il Cielo e la Terra.

Un percorso tra arte e fede per offrire ai milioni di fedeli e di visitatori che giungono fino alla Cattedrale l’occasione per vivere l’emozione dell’arte contemporanea nel segno della Madonnina, inserendosi a pieno titolo tra le attività culturali.

Infatti, le iniziative promosse dalla Veneranda Fabbrica per Expo sono molteplici, anche per quanto riguarda le mostre di carattere artistico. Dall’esposizione di arte contemporanea, allestita per la prima volta nel contesto mozzafiato delle Terrazze del Duomo, in cui sono messe in mostra alcune sculture di Tony Cragg (inaugurata il 16 aprile scorso e aperta sino alla conclusione di Expo il 31 ottobre prossimo), alla bellissima rassegna Nicola e Giovanni Pisano. Le origini della scultura moderna, proposta da Regione Lombardia e ospitata presso la Chiesa di San Gottardo in Corte, fino all’arrivo da Parigi di un’opera realizzata da Kathy Toma, nel prossimo mese di settembre, si può ben dire che la Cattedrale e il suo straordinario patrimonio di fede e di arte non sono mai stati così aperti al dialogo con le forme artistiche, teso tra gli splendori dell’antico e l’energia della contemporaneità.

Spalancando le porte della Cattedrale a milioni di fedeli e visitatori, la Veneranda Fabbrica ha scelto l’arte come momento di espressione privilegiato per raccontare il presente.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi