La diciottesima esposizione del Codice Atlantico, presentata come sempre a Milano nelle due sedi della Biblioteca Ambrosiana e della Sacrestia del Bramante, è dedicata a due campi di studio fondamentali del pensiero vinciano: la matematica e la geometria.

Leonardo Sacrestia Bramante

Ha per titolo: «De Ludo geometrico – la matematica e la geometria di Leonardo» la XVIII mostra dei fogli originali del Codice Atlantico di Leonardo da Vinci, che rimarranno esposti sino a febbraio 2014 nella Sala Federiciana dell’Ambrosiana e nella Sacrestia del Bramante presso S. Maria delle Grazie, di fianco al Cenacolo.

Filo conduttore di questa nuova mostra è uno dei temi più affascinanti di tutta la ricerca scientifica: la quadratura del cerchio. Solo nel 1610, con la pubblicazione dell’Elementorum curvilineorum libri tres di Giovanni Battista della Porta (1535-1615) si avrà una sistemazione della materia. Eppure riflessioni, tentativi, approssimazioni, contenute nel De ludo geometrico di Leonardo, e rimaste sino allora inedite, non solo non furono superate, ma rivelarono, anche successivamente, tutta la loro fecondità.

I calcoli leonardeschi e i suoi esercizi matemati­ci sono contenuti nei fogli del Codice Atlantico in vere e proprie sezioni di ricerca matematica, condotta dalla costruzione e trasformazione delle figure geometriche a quelli sulla quadratura del cerchio. In mostra anche alcune pagine tratte da manoscritti di geometria e matematica quattrocenteschi e cinquecenteschi che Leonardo conservava tra le sue carte, ancora contenute nel Codice Atlantico.

Oltre ai meravigliosi e stupefacenti fogli di Leonardo, in Appendice alla mostra sono presentati anche manoscritti e libri a stampa di geometria e algebra del tempo di Leonardo, tutti appartenenti alla Biblioteca Ambro­siana: da Piero della Francesca a Luca Pacioli, dagli Elementi di Euclide ai manoscritti di Giorgio Valla, dall’Algebra di al-Khawarizmi tradotta da Gerardo da Cremona a Leonardo Fibonacci.

DE LUDO GEOMETRICO. LA MATEMATICA
E LA GEOMETRIA DI LEONARDO
a cura di P.C. Marani e F. Rinaldi
Fino al 9 marzo 2014

ORARI:
Pinacoteca Ambrosiana:
mar – dom 10,00 – 18,00
(aperto lunedì 6 gennaio)
Sacrestia del Bramante: 
lun 09,30 – 13,00 e 14,00 – 18,00
mar – dom 08,30 – 19,00
(chiuso 25 dicembre, 1 gennaio
e dalle ore 12,00 del 9 dicembre 2013;
10 marzo e 9 giugno 2014)

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi