Il cordoglio di monsignor Delpini per la scomparsa a 84 anni della celebre ballerina. Nata e vissuta a Milano, è stata il simbolo della Scala e una delle artiste italiane più famose nel mondo. Funerali sabato 29 maggio nella basilica di San Marco

Carla Fracci, 84 anni, è morta giovedì 27 maggio a Milano. Negli ultimi giorni c’era stata grande apprensione per le sue condizioni di salute. Il funerale si svolgerà sabato 29 maggio alle 14.45 nella basilica di San Marco.

Fracci è stata una delle ballerine più famose di tutto mondo, orgoglio milanese della Scala. Nata nel 1936 a Milano, nel corso della sua carriera si è esibita con i più grandi, da Nureyev a Baryshnikov. La Fracci, Carla, Carlina o Fraccina, come la chiamarono tutti nel corso del tempo per la dolcezza della sua espressione, è stata per tutti il simbolo della Scala.

La musica è stata il fil rouge della storia artistica della straordinaria étoile internazionale. Sulle note dei più importanti balletti, Carla Fracci si è esibita nei grandi teatri di tutto il mondo, diventando un’icona della danza classica. Indimenticabile la sua Giselle danzata con Erik Bruhn, dalla quale nel 1969 è stato tratto anche un film.

Nel volume Passo dopo passo. La mia storia, edita nel 2013 da Mondadori, la ballerina si era raccontata senza retorica in un percorso affascinante e coinvolgente, che aveva voluto presentare anche agli amici del Duomo di Milano, in un incontro della Scuola della Cattedrale.

In quell’occasione, l’étoile  aveva incrociato racconto autobiografico e aneddotico con il suo percorso artistico, alla scoperta della sua infanzia e degli affetti familiari, dei più di duecento personaggi interpretati, degli artisti che l’hanno circondata. Primo fra tutti il marito Beppe Menegatti, autore e regista che ha lavorato con Luchino Visconti, Eduardo De Filippo e Vittorio De Sica e che ha curato la regia di famose opere liriche nei più grandi teatri del mondo.

Carla Fracci è stata una grande donna che ha fatto dell’arte e della danza classica la sua vita, senza trascurare di alimentare il focolare del suo amore.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi