È questo il tema della conferenza che si terrà al Museo Martinitt e Stelline di Milano per celebrare la Giornata Europea delle Persone con Disabilità.

Museo Martinitt

A partire dal 1993  il 3 dicembre è diventato la Giornata Europea delle Persone con Disabilità, come voluto dalla Commissione Europea, in accordo con le Nazioni Unite. Il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo ha accolto pienamente lo spirito dell’iniziativa e sollecita da sempre le istituzioni culturali affinchè promuovano ogni attività utile a sensibilizzare i cittadini sull’importanza di rimuovere gli ostacoli fisici e culturali dalla vita delle persone con disabilità di qualsiasi tipo.

Il Museo Martinitt e Stelline di Milano rappresenta una testimonianza storica di quanto sia stata profonda, nella filantropia milanese ottocentesca, la volontà di inclusione sociale dei più deboli; e lo ha fatto sostenendo, tra le altre cose, gli Orfanotrofi dei Martinitt e delle Stelline.

Il Museo vuole offrire il proprio contributo a tale giornata proponendo per martedì 3 dicembre, alle ore 18.30, un’iniziativa pubblica e gratuita su alcuni aspetti, talvolta contraddittori, della storia della disabilità in Italia, attraverso una conferenza dal titolo: «Forme di assistenza e cura della disabilità nel 1700 e 1800. Milano e Venezia», con Cristina Cenedella e Adriana Salviato.

Un modo per certi versi originale per riflettere su ciò che è stato fatto e su cosa manca ancora da fare. L’iniziativa abbraccia un arco temporale di circa 2 secoli e prevede la visione di documenti originali dell’archivio il cui studio ha reso possibile ricostruire alcune forme di assistenza e cura della disabilità.

In particolare il periodo settecentesco/primo ottocentesco si focalizzerà sugli Orfanotrofi dei Martinitt e delle Stelline e del Pio Albergo Trivulzio, due tra le più note istituzioni assistenziali di Milano. Il secondo Ottocento avrà come punto d’osservazione la città di Venezia e in particolare l’analisi della documentazione  storico sanitaria del Manicomio femminile di San Clemente, il primo manicomio esclusivamente femminile d’Europa inaugurato nel 1873 nell’omonima isola veneziana di San Clemente.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi