La Galleria San Fedele propone dal 26 settembre una mostra di immagini di Anna Vivante su una delle strutture architettoniche più "suggestive".

Cupola Anna Vivante

La cupola, archetipo costruttivo e simbolico, forma teologica perfetta, è il soggetto delle fotografie di Anna Vivante, presentate in una mostra che sarà inaugurata alla Galleria San Fedele a Milano (via Hoepli, 3) mercoledì 26 settembre, alle ore 18.

Come spiegano i curatori Andrea Dall’Asta e Roberto Duilio, non si tratta di un’indagine prefissata con un rigido canone di scelta e ripresa, piuttosto dell’insistenza di uno sguardo verso le differenti declinazioni – attraverso epoche e luoghi distanti – di una delle più complesse e affascinanti soluzioni architettoniche ideate dall’ingegno umano. Che si tratti di Frank Lloyd Wright a New York, del mausoleo del sultano Barkouk al Cairo, di Francesco Borromini a Roma, della moschea di Orhan Bay a Bursa o di Pier Luigi Nervi, ancora a Roma, quello che accomuna questi scatti è la loro natura d’immagini colte semplicemente alzando lo sguardo, sorprendendosi di fronte allo spazio sovrastante, alla luce abbacinante che spesso penetra dal centro, o filtrata da altre aperture, modula forme riconoscibili o quasi astratte, giocate su differenti gradazioni di grigi o sul contrasto netto.

Anche la tecnica di ripresa – pellicola in bianco e nero da 35 millimetri e una NikonF3 – e di conseguenza la stampa morbida, la percezione di un procedimento fotografico che non siamo quasi più adusi a utilizzare, concorrono a inanellare una sequenza di intimi scorci dall’unitaria varietà.

Dai raffinati giochi chiaroscurali del mausoleo di Abu s-Samad a Natanz, agli affreschi a San Carlo ai Catinari e Sant’Andrea della Valle, entrambi a Roma, solo per citare alcuni esempi, fino alla raffinatissima astrazione grafica del Palais de Tokyo a Parigi, della Galerie Ravenstein a Bruxelles o del Pantheon sempre a Roma. Un’involontaria Mnemosyne warburghiana, che in un fluire di immagini evoca luoghi e culture, provoca una sorta di autonoma e fulminea sintesi della propria esperienza culturale e al tempo stesso ci pone, ancora una volta, con stupore e rinnovata curiosità, di fronte alla forme dello spazio e della sua percezione.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi