«A un passo dalle stelle» è il nuovo romanzo per ragazzi (e non solo) di Daniela Palumbo, che affronta il tema del silenzio e dell'ascolto in una società sempre più "frastornata" da mille rumori...

Daniela Palumbo Giunti romanzo

«Il cammino ci fa uguali. Ci spoglia di quello che è in più, te ne sei accorta?»

La storia di una vacanza diversa, una vacanza che nessun adolescente  vorrebbe mai fare: 18 giorni a piedi lungo la via Francigena,  da Lucca a Roma,  con i genitori e due guide dei cammini. Camminare è lentezza, è silenzio, è fatica. Tappa dopo tappa il cammino si rivela invece per ognuno dei componenti del gruppo un’esperienza fortissima capace di mettere in atto trasformazioni profonde, di creare situazioni inaspettate e far nascere amicizie e nuovi amori.

Il nuovo romanzo di Daniela Palumbo, “A un passo dalle stelle”, affronta il tema del silenzio e dell’ascolto in un momento in cui il rumore di fondo di una società sempre connessa si sostituisce alla comunicazione autentica, creando un vuoto di cui i ragazzi sentono sempre più forte il peso.

Una coppia con due figli, Giacomo, quindici anni e Matteo, sedici. La famiglia di Giorgia, che è stata adottata e ha cominciato a chiedere di conoscere i genitori di origine. Poi Viola, a cui il padre ha promesso che la raggiungerà. E infine Leonardo, che deve riallacciare i rapporti con il figlio Gus. Tra loro non si conoscono, ma in comune hanno il proposito di percorrere a piedi un breve tratto della via Francigena, da Lucca a Roma, con due guide, Fabien e Gaia e la speranza che il cammino li aiuti a raggiungere quello che cercano. Una sera Giorgia trova una lettera in un libro. Chi può averla messa proprio lì? A scrivere è un ragazzo, dice di chiamarsi Alessio. Racconta di aver lasciato la lettera fra le pagine sperando che qualcuno la trovi…

Daniela Palumbo è nata a Roma nel 1965. Giornalista, ha cominciato a pubblicare libri per bambini nel 1998 con un testo sulla disabilità. Vive da tanti anni a Milano dove lavora per il mensile Scarp de’ Tenis, storico giornale di strada nato da un progetto della Caritas Ambrosiana. Nel 2013 vince il 1° Premio G. Arpino, per la sezione Scuole Medie Inferiori, nell’ambito del Salone del Libro per ragazzi di Bra, con il libro Il volo del Falco nel mio destino. 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi