La storia dei primi cento anni della cattedrale ambrosiana in un libro curato da Clara Moschini, presentato dalla Veneranda Fabbrica

Duomo

Nella Milano medievale di fine Trecento, prende avvio la storia del Duomo e del suo grande cantiere. Fin dalle sue origini, esso fu polo d’attrazione per architetti, scultori e maestranze provenienti da tutto il continente, affascinati dalla grandiosità del progetto architettonico e artistico: un autentico laboratorio dell’identità europea.

In particolare, protagonisti dei primi decenni d’attività furono i maestri del Lago di Lugano che importarono a Milano la loro abilità nell’estrazione e nella lavorazione della pietra.

Il volume Il cantiere del Duomo di Milano. Dai Maestri del Lago di Lugano a Leonardo ripercorre la storia dei primi cento anni di vita del Duomo: quelli più complessi e significativi per la costruzione della Cattedrale. Il testo, curato da Clara Moschini, raccoglie i preziosi contributi di Ulderico de Piazzi e Claudio Giorgione ed è arricchito da un ampio repertorio d’immagini. Esso è il frutto di un’accurata ricerca, condotta soprattutto presso l’Archivio della Veneranda Fabbrica e di un’indagine iconografica sui più grandi cantieri medievali europei. Il volume rievoca, dunque, con spessore scientifico, storia, aneddoti e curiosità del cantiere che poté avvalersi della presenza di Leonardo da Vinci e di Bramante, configuratosi come crocevia di una complessa rete di relazioni tra Lombardia e Canton Ticino.

La Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano, con il patrocinio del Comune di Milano, della Città di Lugano e della Confederazione Svizzera, presenterà il volume martedì 16 settembre alle ore17.30, nella Sala delle Colonne del Grande Museo del Duomo di Milano.

Dopo i saluti del Presidente della Veneranda Fabbrica Angelo Caloia, del Sindaco di Lugano Marco Borradori e di Fiorenzo Galli, Direttore Generale del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia «Leonardo da Vinci» di Milano, interverranno Carlo Capponi, Responsabile dell’Ufficio Diocesano per i Beni Culturali, e la curatrice del testo Clara Moschini.

La presentazione sarà arricchita da un intermezzo musicale a cura di Elisa La Marca che eseguirà al liuto «Fantasie e Ricercari». Un’occasione unica per rivivere la storia di uno dei più grandi e innovativi cantieri di cattedrali in Europa.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi