Il nuovo appuntamento della Scuola della Cattedrale, in San Gottardo in Corte a Milano, prende spunto dalla pubblicazione del monumentale carteggio del padre della scienza moderna.

Galileo Galilei

La Scuola della Cattedrale, presieduta da Mons. Gianantonio Borgonovo, Arciprete del Duomo di Milano, propone un appuntamento culturale di rilievo che nasce dal progetto di aggiornamento dell’Edizione Nazionale delle Opere di Galileo, prendendo spunto dalla pubblicazione dell’Appendice, Volume III – Testi (Giunti Editore, Firenze 2017).

L’Edizione Nazionale delle Opere di Galileo venne realizzata nell’arco di un ventennio, tra il 1890 e il 1909, ideata e curata dal matematico e storico della scienza Antonio Favaro. Furono pubblicati in venti volumi l’integralità degli scritti di Galileo, l’intero suo carteggio, tutti i documenti relativi alla vita e alle opere pervenutici, oltre a diversi testi di altri autori che Galileo postillò con commenti e annotazioni.

Venti anni di intenso lavoro per un’opera maestosa che si colloca tra le grandi edizioni moderne dei classici della scienza e della filosofia, da Huygens a Peiresc, da Fermat a Descartes. Nel corso degli anni le ricerche galileiane hanno portato alla luce un significativo numero di nuovi documenti, ed è stato dunque avviato un corposo aggiornamento dell’Edizione, più approfondito della prima revisione che risale agli anni trenta del secolo scorso.

Nascono così tra il 2013 ed il 2015 i primi due volumi dell’Appendice all’Edizione Nazionale delle Opere di Galileo: il primo dedicato alla ricostruzione dell’ampio patrimonio iconografico galileiano, mentre il secondo arricchisce di quasi seicento documenti epistolari il monumentale carteggio.

Il terzo volume pubblicato nel 2017 ospita una serie di testi inediti non presenti nella prima edizione dell’opera: si è scelto in questo aggiornamento di dar voce integrale a tutti gli interessi galileiani, editando anche gli scritti finora esclusi. È in fase avanzata di preparazione il quarto e ultimo volume dell’Appendice, nel quale saranno pubblicati i documenti e gli atti inquisitoriali emersi successivamente al completamento dell’Edizione Nazionale “storica” (1890-1909).

«Distribuita fuori commercio e in soli cinquecento esemplari, l’Edizione Nazionale delle Opere di Galileo divenne ben presto un tesoro ricercatissimo, introvabile in Italia e all’estero. Tra difficoltà finanziarie e nell’indifferenza quasi assoluta della cultura accademica italiana, Antonio Favaro compì una delle imprese più importanti dal punto di vista scientifico e filologico nell’ambito della storia dell’editoria italiana: pubblicare l’integralità degli scritti di Galileo, l’intero suo carteggio, e tutti i documenti relativi alla vita e alle opere pervenutici del padre della scienza moderna.»

L’evento, introdotto e coordinato da Armando Torno, si terrà lunedì 16 aprile 2018 alle ore 18.30 presso la Chiesa di San Gottardo in Corte (Via Pecorari, 2 – Milano), e vedrà un’introduzione di mons. Gianantonio Borgonovo, e gli interventi dei due coordinatori dell’Aggiornamento dell’Edizione Nazionale delle Opere di Galileo: Massimo Bucciantini, professore di Storia della scienza presso l’Università di Siena, e Michele Camerota, professore di Storia della scienza presso l’Università di Cagliari.

Ingresso libero con prenotazione, fino ad esaurimento posti, a partire dalle ore 18.00

Scuola della Cattedrale, Piazza Duomo, 14 – 20122 Milano
Tel. 02 36169314,
scuoladellacattedrale@duomomilano.it  www.duomomilano.it

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi