Tre proposte fra musica, arte e storia grazie a musicisti di fama che hanno offerto gratuitamente la loro maestria per raccogliere fondi per il restauro del'organo del Duomo, in questo tempo di difficoltà a causa della pandemia.

Sostare all’interno del Duomo di Milano o del suo Museo al di fuori degli orari di visita, vivendo un’esperienza unica ed esclusiva, alla scoperta di tutti i segreti della Cattedrale, sulle note di grandi compositori come Bach, Schubert e Ravel? Da oggi, grazie a una nuova proposta della Veneranda Fabbrica del Duomo, tutto ciò è possibile.

Infatti, dopo la riapertura del complesso monumentale ai visitatori lo scorso 29 maggio, l’antico ente istituito da Gian Galeazzo Visconti nel 1387 ha dato il via ad una nuova fase, con la ripresa delle visite turistiche nel pieno rispetto delle norme anti-contagio da Covid-19, per garantire un’esperienza confortevole e sicura che tenga in considerazione le caratteristiche dei luoghi, dei percorsi e dei varchi d’accesso.

Grazie alla disponibilità del maestro Danilo Rossi, prima viola dell’Orchestra del Teatro alla Scala, della maestra Luisa Prandina, prima arpa dell’Orchestra del Teatro alla Scala e del maestro Stefano Bezziccheri, docente di pianoforte al Conservatorio “G.B. Martini” di Bologna, i quali hanno messo a disposizione la loro arte a titolo totalmente gratuito per contribuire con il ricavato dell’iniziativa al restauro dell’Organo del Duomo, l’ingresso in Cattedrale si intreccia ora con i suoi percorsi sonori, dando vita a “Sentieri di note in Duomo”.

Con l’augurio di poter presto tornare a ospitare momenti musicali così apprezzati dai milanesi, la Veneranda Fabbrica propone 3 concerti per un pubblico massimo di 50 persone: il 24 giugno, l’8 e il 24 luglio 2020.

Ogni proposta ha una durata di circa 90 minuti e un costo di 50 euro cadauno. Gli incassi dei biglietti saranno devoluti a favore della raccolta fondi “15.800 note per il Duomo”, per sostenere la rinascita dell’Organo della Cattedrale.

Si inizia il 24 giugno dalle ore 18.30 con un concerto alla scoperta del Museo del Duomo dove il percorso espositivo si arricchisce di un approfondimento alla visita dal titolo “Il Duomo delle Donne”, nell’ambito del palinsesto promosso dal Comune di Milano “I talenti delle donne”: proiezioni a parete raccontano ai visitatori il contributo di alcune figure femminili nella storia della costruzione della Cattedrale.

Tra le storie più interessanti da riscoprire, quelle di Caterina di Abbiate Guazzone, della pittrice Fede Galizia, vissuta a cavallo tra ‘500 e ‘600, dell’imperatrice Maria Teresa d’Austria, fino ad un omaggio alla figura femminile cui è dedicato il Duomo e che svetta dalla sommità della Guglia Maggiore: la Madonnina. A conclusione della visita, nella splendida cornice della Chiesa di San Gottardo in Corte, il maestro Danilo Rossi, accompagnato al pianoforte da Stefano Bezziccheri, eseguirà Notturno op. 19 n. 4 di P.T. Čajkovskij, Le soir di L. Vierne, Vocalise op. 34 n. 4 di S. V. Rachmaninov, Ave Maria di A. Piazzolla, Spiegel im spiegel di A. Pärt.

L’8 luglio dalle ore 19.00, saranno invece le possenti pareti del Duomo ad ospitare una straordinaria lectio magistralis in Cappella Feriale tenuta dall’Ing. Francesco Canali, Direttore dei Cantieri della Veneranda Fabbrica, dedicata alla storia architettonica della Cattedrale ed ai suoi grandi restauri, tra cui quelli in corso sull’Organo che, con le sue 15.800 canne, è lo strumento di questo genere più grande d’Italia e tra i più notevoli al mondo. Al termine, il maestro Danilo Rossi terrà un concerto per viola, eseguendo Preludio dalla Suite n. 1 in sol maggiore BWV 1007, Preludio dalla Suite n. 2 in re minore BWV 1008, Sarabanda dalla Suite n. 2 in re minore BWV 1008, Sarabanda dalla Suite in do minore n. 5 di J.S. Bach, Suite n. 1 in Sol minore op. 131d di M. Reger, Sonata op. 25 n. 1 di P. Hindemith e Ashrei per viola e percussioni campionate di C. Boccadoro.

I “Sentieri di note in Duomo” si concluderanno il 24 luglio alle ore 19.00, quando, al termine di una lectio magistralis tenuta dal maestro Emanuele Carlo Vianelli, Organista Titolare del Duomo e dedicata ai segreti dell’Organo, il maestro Rossi, accompagnato all’arpa da Luisa Prandina eseguirà Adagio di Christian Bach, Allegro Moderato dalla Sonata in La minore “Arpeggione” D.821 di F. Schubert, Passacaglia per arpa di G.F. Händel, Siciliana di G. Fauré e Pavane pour une infante défunte di M. Ravel.

I biglietti sono acquistabili dalla pagina dedicata all’iniziativa sul sito ufficiale www.duomomilano.it

Per informazioni: tel. +39.02.72023375 – e-mail: info@duomomilano.it

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi