Giorni intensi, con la presenza di molti visitatori che hanno raggiunto il Museo della Collegiata per ammirare i tesori d’arte conservati nel complesso monumentale: l’assenza del pubblico straniero è stata in parte colmata dal turismo di prossimità. Domenica 4 apertura con orario continuato.

Dopo un’estate è sempre vivo il desiderio di ripartire con il piede giusto: così è stato il mese di Settembre in Collegiata. Giorni intensi, con la presenza di molti visitatori che hanno raggiunto il Museo della Collegiata per ammirare i tesori d’arte conservati nel complesso monumentale: l’assenza del pubblico straniero è stata in parte colmata dal turismo di prossimità.

Nel frattempo si sono colorate le foglie della vigna sulla collina della Collegiata, che la prima domenica di settembre è stata eccezionalmente accessibile alle visite. Protagonista dell’evento è stata la solidarietà: cento bottiglie di merlot “Il Collegiata”, offerte dal produttore sig. Francesco Nutricati, sono state distribuite raccogliendo donazioni per un ammontare di 1400 euro, destinati alla Protezione civile di Castiglione Olona come segno tangibile di sostegno nella lotta al Covid19.

La domenica successiva è stato, invece, tempo di vendemmia: sono stati raccolti 496 kg di uva, che porteranno ad una produzione di circa 300 bottiglie. Seppur in tono minore, a causa dell’emergenza sanitaria in corso, la vendemmia è stata una festa: la terra ha restituito il frutto del lavoro di un anno e un sorriso grato e soddisfatto brillava sul volto di chi staccava il grappolo dalla vite.

Entra sempre più nel vivo il progetto Collegiata Terra Cielo sostenuto dal contributo di Fondazione Cariplo nell’ambito del bando “Beni al sicuro”.

Mentre proseguono le attività diagnostiche e i monitoraggi tecnici sullo storico Complesso della Collegiata, si è avviato il cantiere per il rifacimento del tetto dell’antica canonica. Scenografico l’arrivo di un’agile gru nel cuore del Complesso.

Si tratta di un cantiere complesso, per la delicatezza del luogo e i limiti legati alla sua accessibilità: tutti i mezzi devono passare attraverso un arco profondo, già ingresso del castello costruito per volontà del cardinale Branda Castiglioni negli anni Venti del Quattrocento, mentre i ponteggi verso valle devono aggrapparsi al versante scosceso dell’ameno colle e salire per i tre piani della canonica.

Contestualmente al rifacimento della copertura, verrà progettata e predisposta la “linea vita” sopra la canonica, la chiesa e la sacrestia. Sono alcuni dei tanti tasselli che consentiranno di agevolare futuri interventi, nell’ottica di un piano di manutenzione programmata che sta sempre più prendendo forma, anche sulla base dei primi risultati ottenuti dalla campagna diagnostica.

È possibile sponsorizzare parzialmente i presenti e futuri interventi di restauro con offerte deducibili da parte di titolari di reddito d’impresa.

Durante lo svolgimento dei lavori Il Museo della Collegiata rimane aperto al pubblico e visitabile nella sua interezza, in assoluta sicurezza, da mercoledì a domenica.

Dal 1 ottobre il Museo entra nell’orario invernale (da martedì a sabato 9.30–12.30/14.30–17.30; domenica 10.00-13.00/15.00-18.00).

Domenica 4 ottobre, in corrispondenza della Fiera del Cardinale, il Museo sarà aperto orario continuato 10.00 – 18.00.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi