4950 - per_appuntamenti
Redazione Diocesi

La Chiesa ortodossa russa ha giurisdizione su tutti i territori dell’ex Urss:
le repubbliche del mar Baltico (Lituania, Lettonia, Estonia), la Bielorussia e l’Ucraina, le tre repubbliche del Caucaso (Armenia, Georgia, Azerbaigian) e le quattro repubbliche centro-asiatiche (Kazakistan, Turkmenistan, Uzbekistan, Kirghizistan). Complessivamente i fedeli sono più di 80 milioni.

La Chiesa russa fa risalire le proprie origini agli apostoli Cirillo e Metodio che nel IX secolo tradussero in paleo-slavo la Bibbia e l’officiatura di rito bizantino .
Il principe Vladimiro di Kiev scelse il cristianesimo per la bellezza della liturgia e l’accessibilità della lingua. Nel XVI secolo la chiesa ottenne l’autocefalia e il metropolita Giobbe venne eletto patriarca di tutte le Russie.

Il patriarcato venne abolito da Pietro il Grande e ristabilito da un concilio.
Dopo la rivoluzione russa un gruppo di vescovi riparò a Costantinopoli dando vita alla chiesa ortodossa russa all’estero.

La degenerazione della situazione politica in Russia portò alla chiesa un’ondata di inaudita persecuzione ancora viva nella memoria dei fedeli.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi