Ospite de "I Lunedì del Fopponino", mons. Erminio De Scalzi, abate di Sant'Ambrogio racconterà con la sua consueta arguzia, schiettezza e grande capacità di comunicare dei quattro cardinali che ha conosciuto da vicino nei suoi 50 anni di impegno nella Diocesi ambrosiana

de scalzi

Per il ciclo di incontri «I lunedì del Fopponino», sul tema «Allargare orizzonti e costruire ponti», proposto dalla parrocchia di S. Francesco d’Assisi al Fopponino (via Paolo Giovio, 41 – Milano), lunedì 12 dicembre, alle ore 21, presso il Salone Ghidoli, interverrà monsignor Erminio De Scalzi, Abate di Sant’Ambrogio, Vescovo ausiliare di Milano.
In questi oltre 50 anni di sacerdozio e di impegno nella Diocesi ambrosiana ha collaborato con quattro Arcivescovi, conoscendoli da vicino. Proprio di loro vorrà parlarci con la sua consueta arguzia, schiettezza e grande capacità di comunicare. Anche se il tema scelto per la sua relazione è «Elogio dei nostri padri nella fede», tuttavia non sarà un «elogio» per esaltarne qualità, meriti, virtù, ma per indicarli a tutti noi come «Padri nella fede», testimoni da imitare e seguire per il nostro cammino di Chiesa. Monsignor Erminio De Scalzi, nato a Saronno, il 6 settembre 1940, e ordinato presbitero, nel 1964, dal cardinale Giovanni Colombo, è stato assistente diocesano del settore Giovani dell’Azione cattolica e incaricato della commissione Famiglia, poi primo segretario del cardinale Carlo Maria Martini, parroco a Milano di Santa Maria del Suffragio, Vicario episcopale della Zona pastorale I – Milano. Dal cardinale Dionigi Tettamanzi è stato delegato per i grandi eventi diocesani, in particolare per l’incontro mondiale delle famiglie e per l’Expo. Il cardinale Angelo Scola gli ha rinnovato la nomina di Vicario episcopale per gli eventi e incarichi speciali.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi