Al via il 26° Seminario Internazionale sul Sistema delle Cellule Parrocchiali, che dopo aver ricevuto il Riconoscimento definitivo dal Vaticano lo scorso 12 aprile, andranno a Roma il 5 settembre in udienza particolare con Papa Francesco

Dal 28 al 31 maggio prossimi si terrà, nella Basilica di Sant’Eustorgio, il 26° Seminario Internazionale sul Sistema delle Cellule Parrocchiali d Evangelizzazione (CPE). Sono passati, infatti, 25 anni da quando questo appuntamento è incominciato come Seminario Europeo, acquistando nel tempo il carattere di internazionalità che oggi riveste, grazie alla provenienza dei partecipanti che arrivano, appunto, da tutto il mondo. Oggi come allora, grandi sono l’impegno e la gioia nell’accogliere i circa 160 iscritti, di cui 45 sacerdoti, che provengono, oltreché da diverse regioni italiane, anche dalla Francia, dalla Gran Bretagna, dall’Irlanda, dalla Svizzera, dalla Spagna, dalla Germania, dalla Polonia, dal Canada, dall’Uganda, dal Congo, dal Perù e dalla Costa d’Avorio.
A conferma della validità di questo progetto pastorale, che si fonda sull’impegno dei membri di ogni cellula a favore dell’evangelizzazione, per la propria conversione e per il rinnovamento profondo della vita parrocchiale, il 12 aprile scorso, festa della Divina Misericordia, don Pi.Gi. Perini, in qualità di  Presidente e Fondatore dell’Organismo Internazionale di Servizio per le CPE, ha ricevuto dalle mani del Card. Stanislaw Rylko, Presidente del Pontificio Consiglio per i Laici, il Decreto di Riconoscimento e Approvazione definitivo, dopo quello ricevuto ad experimentum nel maggio 2009. Scopo delle cellule, portare la Buona Novella a quanti non la conoscono, coincide, dunque, con il fine della Chiesa universale, che è quello di evangelizzare.
Così si legge nel Decreto consegnato a don Pi.Gi.: “Fondamentale è per la Chiesa rinvigorire l’identità missionaria dei fedeli laici e sollecitare nei pastori la consapevolezza del proprio compito di far divenire la parrocchia una comunità ardente di fede, dove i membri sono “agenti dell’evangelizzazione” e la parrocchia “centro costante di invio missionario”.
Le cellule, infatti, sono composte da fedeli laici che, avendo sperimentato l’amore di Dio, desiderano condividerlo con chi non lo conosce, così da riscoprire la propria missione di essere annunciatori del Vangelo. Il pastore, che inizia o porta avanti questa metodologia di annuncio, scopre come sia possibile trasformare la comunità da gigante addormentato a parrocchia in fiamme, ardente di fede e proiettata all’evangelizzazione dei lontani. E questo può succedere ovunque nel mondo, in qualsiasi parrocchia ci sia un parroco interessato a far vivere ai suoi parrocchiani la realtà del proprio Battesimo in maniera più autentica e profonda.
Tutto questo si potrà sperimentare in Sant’Eustorgio alla fine di maggio durante il Seminario Internazionale, trasferendo poi questo efficace metodo di evangelizzazione nella propria parrocchia.
La comunità di S. Eustorgio è, inoltre, particolarmente gioiosa perché il prossimo 5 settembre tutte le cellule del mondo incontreranno Papa Francesco in Sala Nervi.
Il Riconoscimento definitivo del 12 aprile, il prossimo Seminario Internazionale di fine maggio e la data del 5 settembre, in cui tutte le cellule si troveranno alla presenza del Santo Padre, sono momenti importantissimi per le CPE, veri doni del Signore, che non si stanca di benedire il nostro impegno”, dice don Pi.Gi., che ha fortemente voluto trasferire questo metodo in Sant’Eustorgio nel 1987 dalla Florida e che da allora si è diffuso, grazie anche alla dedizione e alla cura che lui stesso vi ha dedicato.
E passiamo ora agli interventi del Seminario e agli ospiti che saranno presenti nell’edizione di quest’anno.
Venerdì mattina, 29 maggio, alle 11.30 Mons. Carlo Faccendini, Vicario Episcopale per la città di Milano, dedicherà il suo saluto al Seminario e ai partecipanti e comunicherà il benvenuto a tutti anche da parte del Card. Angelo Scola.
Sempre venerdì 29 maggio, alle 17.30 S. E. Mons. Pietro Fragnelli, Vescovo di Trapani, presiederà la Celebrazione Eucaristica, mentre domenica mattina 31 maggio, alle 9.30 ascolteremo l’intervento di S. E. Mons. Rino Fisichella, Presidente del Pontificio Consiglio per la nuova Evangelizzazione, che avrà per titolo “Come le cellule rispondono alla chiamata a una nuova parrocchia “comunità di comunità”, in riferimento al n° 28 di Evangelii Gaudium, in cui si legge: “La parrocchia è comunità di comunità, santuario dove gli assetati vengono a bere per continuare a camminare e centro costante di invio missionario”, a sottolineare l’importanza che la parrocchia ha per i suoi fedeli, se vissuta in modo consapevole e autentico.
Subito dopo la Santa Messa delle 11, da lui presieduta.
Ulteriori momenti da non perdere sono i diversi interventi che si susseguono dal giovedì al sabato, tutti volti all’evangelizzazione, la visita di tutti i partecipanti all’incontro di cellula il venerdì sera 29 maggio, il concerto vocale e strumentale di sabato 30 maggio alle 21, diretto dal maestro Michele Brescia, che sempre riscuote grande successo e l’agape finale che segue la messa della domenica e che chiude il Seminario in modo fraterno e amichevole, in un clima di festa e di gioia.
Ricordiamo che a partire dal 28 maggio, infine, l’incontro sarà trasmesso in streaming dalle 14.30 (www.cellule-evangelizzazione.org; www.santeustorgio.it): un modo certo per non perdere nulla di questo importante appuntamento con la nuova evangelizzazione.
 

Per maggiori informazioni: organismocellule@tiscali.it
http://www.cells-evangelization.org

 

 

 

 

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi