In mostra dal 27 maggio al 5 giugno alla Casa dei Diritti del Comune di Milanole fotografie in grande formato di Margherita Lazzati

visibili invisibili

Mercoledì 27 maggio, alle 18, presso la Casa dei Diritti di via De Amicis 10 a Milano verrà presentato il libro “Visibili. inVisibili. reportage”, edito da La Vita Felice.
Alla presentazione interverranno l’Assessore alle Politiche Sociali Pierfrancesco Majorino, il prof. Salvatore Natoli, il poeta e giornalista Alberto Figliolia, l’Editore Gerardo Mastrullo e alcuni autori dei testi del libro.
Il libro raccoglie le fotografie che Margherita Lazzati ha scattato “strada facendo” a Milano, «la mia Città, luogo che amo molto, al di là di tutto. Città che i frettolosi abitanti sembrano conoscere poco. Città che i turisti vengono a scoprire, senza magari, vedere».
Il libro raccoglie anche una serie di ricordi, pensieri, sogni e divagazioni – in versi o in prosa – di una piccola schiera di amici che lo rendono quasi un diario di viaggio, una guida di Milano, pratica ed emozionale al tempo stesso.
La mostra, anche questa volta realizzata in collaborazione con la Galleria l’Affiche, dopo il successo dell’esposizione nella sede della Fondazione Culturale Ambrosianeum, testimonia con sette fotografie in grande formato, una Milano che cambia, dove architetture nuove e antiche coesistono, “luoghi che conosciamo bene ma visti con un occhio particolare e abitanti delle strade che percorriamo e che sembrano invisibili al nostro sguardo”.
Margherita Lazzati, infatti, rende protagonisti della rassegna gli homeless, definiti dall’autrice stessa “grovigli umani, sguardi smarriti che interpellano le nostre coscienze”. Questo è il motivo per cui si parla di reportage.

La Casa dei Diritti è nata per volere del Comune di Milano nel dicembre 2013. È sede di servizi e sportelli gratuiti per la tutela della persona e la difesa contro ogni discriminazione. Nella sala al piano terra, intitolata al giornalista Franco Bombrezzi, accoglie incontri, seminari, conferenze e dibattiti sul tema dei diritti civili. Uno spazio di confronto per promuovere politiche di inclusione sociale e di pari opportunità per tutti e tutte.
In questo luogo così importante, evocativo e particolare si svolgerà il 28 maggio un Laboratorio di scrittura creativa, con persone detenute delle carceri di Opera e Bollate, alla guida di Silvana Ceruti (fondatrice e responsabile da 21 anni del Laboratorio di scrittura creativa nella Casa di Reclusione Milano-Opera, Ambrogino d’oro 2012) e di Alberto Figliolia (Poeta e giornalista), con i quali Margherita Lazzati collabora da tre anni con un progetto di poesia e fotografia.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi