Le poesie di un gruppo di persone detenute nella Casa di reclusione di Milano-Opera e le immagini della fotografa Margherita Lazzati per il nuovo, ormai tradizionale, calendario. Il cui ricavato sarà interamente destinato al Laboratorio di lettura e scrittura creativa che da oltre 20 anni aiuta chi è in carcere a trovare nuovi linguaggi

Calendario poetico

Grazie alla vena poetica di un gruppo di persone detenute nella Casa di reclusione di Milano-Opera e alla sensibilità della fotografa Margherita Lazzati nasce anche quest’anno il calendario 2018.
Intitolato “Dai quadri della mia finestra: nuvole” il nuovo calendario poetico sarà presentato giovedì 26 ottobre alle 18 a Palazzo Marino, presso la Sala dell’orologio.
Da oltre 20 anni Silvana Ceruti, fondatrice e responsabile del Laboratorio di scrittura creativa, con il poeta Alberto Figliolia, insegna a decine e decine di carcerati a “tirar fuori” le loro emozioni e a condividerle. La poesia è capace infatti di restituire fiducia all’interiorità offrendole un linguaggio nuovo.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi