Ago, filo e nodo: la fotografia di copertina è il simbolo di un ricongiungimento possibile dei Visibili con gli inVisibili di tutte le situazioni

cadorna piazza

Giovedì 17 dicembre, dalle 18 alle 20, alla Casa dei Diritti di Milano presentazione del Calendario Poetico 2016 dedicato a Milano. Per il quarto anno consecutivo le fotografie sono donate da Margherita Lazzati che riprende il tema proposto nel 2015 dalle sue due esposizioni: “Visibili.inVisibili. reportage”.

Ago, filo e nodo, fotografia di copertina del calendario è il simbolo di un ricongiungimento possibile dei Visibili con gli inVisibili di tutte le situazioni: quelli dietro le mura di un carcere o fuori nella città.
La poesia che nasce in carcere: un quotidiano sforzo di ricucitura della propria esistenza lacerata, fra rabbia, speranza, rimorsi, desideri, rimpianti,
attese e, pur sempre, voglia di amare e di essere amati.

Foto e parole del Calendario poetico 2016 percorrono monumenti, scorci e squarci di meraviglia, fiori, acque, riflessi, anche drammi, intrico e intrigo d’immagini, idee, segrete connessioni. Generata dall’incontro fra persone, nell’alveo del Laboratorio di Scrittura creativa di Milano-Opera, quest’opera,
dagli altissimi valori estetici, è una felice commistione visiva, intellettiva e sentimentale; di più, un arcobaleno poetico-iconico, un messaggio alla
società civile, al mondo, e, oltre la colpa e nel segno del riscatto, viatico vero di fratellanza.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi