Dibattito con Aldo Marchetti su lavoro e sindacato in India

india sciopero

Giovedì 3 dicembre, alla Libreria popolare di via Tadino, Incontro/dibattito con con Aldo Marchetti (Docente a Scienze Politiche all’Università Statale) su
“Gli scioperi più grandi del mondo”  in India

Dall’interessante incontro precedente in cui si è affrontato il tema del lavoro in Cina è scaturita la richiesta di conoscere anche la realtà dell’altro grande Paese asiatico, lIndia, la cui popolazione ammonta oggi a 1.282.390.000 persone.
La maggior parte del mezzo miliardo di lavoratori sono informali, ma anche fra gli altri solo circa 50 milioni hanno un contratto che si può definire regolare.
Il governo negli anni passati, per favorire la crescita, ha sostenuto una robusta politica liberale e di apertura del mercato alle multinazionali, tenendo bassi i salari.
I sindacati si sono coalizzati per cambiare questa politica e hanno proclamato uno sciopero il 28 febbraio del 2012, cui hanno partecipato 100 milioni di lavoratori ( lo sciopero si è ripetuto nel 2013 e recentemente il 2 settembre di questo anno): i più grandi scioperi mai avvenuti nella storia. Lo sviluppo oggi è un po’ rallentato, ma l’India vuole affermarsi come uno dei grandi protagonisti dell’economia di domani.

E’ di grande interesse capire quale potrà essere il ruolo e la capacità del sindacato (uno socialista, uno gandhiano, e poi tanti piccoli prevalentemente aziendali) di incidere sullo sviluppo futuro per modificare le condizioni dei lavoratori oggi caratterizzate da bassi salari e da scarsi diritti.

Base della discussione sarà un articolo di Aldo Marchetti, pubblicato da Quaderni asiatici.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi