Un'occasione per riflettere su come l'Istituto delle Marcelline fornisca una risposta diversa alla società attuale, contrassegnata dal desiderio di successo immediato, dei facili guadagni

Untitled-1

Sabato 7 ottobre, a partire dalle 10,30, si svolgerà, presso l’Istituto Marcelline di via Quadronno, 15, a Milano, un importante convegno, dal titolo “Arte, Formazione, Cultura”, con il patrocinio della Regione Lombardia, dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia, della FIDAE Lombardia, della Diocesi di Milano, dell’UNESU e dell’associazione AMA.

Hanno confermato la loro presenza il sen. Valeria Fedeli (Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca), la dott.ssa Delia Campanelli (Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale della Lombardia), il dott. Marco Bussetti (Direttore dell’Ufficio scolastico territoriale – Milano), oltre ad importanti Dirigenti del MIUR, come la dott.ssa Carmela Palumbo (Direttore Generale per gli ordinamenti scolastici e per l’autonomia del MIUR), che parteciperanno all’evento come graditi ospiti.

Al tavolo dei relatori, moderato dal dott. Stefano Degli Abbati, prenderanno posto, tra gli altri, la dott.ssa M. Chiara Parola (dottore commercialista) ed i proff. Piero Cattaneo (Preside dei Licei Classico, Scientifico e Scientifico con sezione sportiva all’Istituto Sociale di Torino, docente presso l’Università Cattolica di Milano e Piacenza), e Marco Grumo (Docente presso la facoltà di Economia della Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.
Fiore all’occhiello dell’incontro, sarà la presenza di Luciana Savignano, étoile di fama internazionale.
Il Convegno è aperto al pubblico.
L’accoglienza inizierà alle 10.30.
La tavola rotonda sarà suddivisa in due parti e si chiuderà alle 13,00, con il taglio del nastro e inaugurazione della nuova sede dell’Accademia Ucraina da parte del Ministro Fedeli, di sr Marimena Pedone e di Caterina Calvino Prina, Direttrice dell’Accademia.
Seguirà il buffet, offerto dalla Società Pellegrini Group.

Il titolo del convegno riprende quello del Progetto, attivato ormai più di dieci anni fa, che vede una stretta collaborazione tra lo storico Istituto di via Quadronno e una prestigiosa realtà attiva nel campo della danza classica professionale, l’Accademia Ucraina di Balletto che, fino allo scorso giugno, era ospitata in alcuni ambienti dell’Istituto e che, a partire da settembre 2017 avrà una sede, sempre all’interno del plesso di via Quadronno, sicuramente più ampia, più luminosa, più adatta alle esigenze di una scuola professionale di danza.
La collaborazione tra l’Istituto e l’Accademia – che ha portato alla riapertura dello storico convitto delle Marcelline e all’introduzione del liceo linguistico pomeridiano – nasce dal solo desiderio di dare una solida formazione culturale e umana ai giovani che vogliono dedicarsi alla danza classica, un mondo molto duro che, se non affrontato con solidi valori, può portare a gravi squilibri. I risultati, negli anni, non si sono fatti attendere, sia in ambito coreutico, con spettacoli in tabellone al Teatro Arcimboldi e tournées internazionali, sia in ambito scolastico, come testimoniato dagli esiti degli scrutini finali e, soprattutto, dagli Esami di Stato; inoltre, a ottobre 2016, il liceo linguistico pomeridiano è stato scelto, assieme ad altre scuole paritarie di tutta Italia, per essere valutato dal NEV (Nucleo Esterno di Valutazione) all’interno del Sistema Nazionale di Valutazione e il tutto si è concluso con risultati positivi e incoraggianti.
Anche le autorità scolastiche lombarde, nel corso degli anni, hanno più volte manifestato grande apprezzamento per il Progetto, invitando l’Istituto ad aprire il liceo linguistico pomeridiano, che era in origine nato come sezione B dello storico e prestigioso Liceo linguistico dell’Istituto Marcelline di p.zza Tommaseo.

Il convegno del 7 ottobre vuole essere l’occasione per riflettere su come la realtà di via Quadronno fornisca una risposta diversa alla società attuale, contrassegnata dal desiderio di successo immediato, dei facili guadagni: gli studenti, le loro famiglie e tutte le persone che vorranno essere presenti saranno invitate a riflettere sull’importanza di valori quali l’impegno, la fatica, la soddisfazione, l’importanza di un percorso serio per raggiungere la meta.
La riflessione si estenderà al ruolo educativo che hanno, per i giovani, le attività artistiche e sportive professionali, ben coniugate con una seria formazione culturale. In occasione del convegno saranno anche inaugurati i nuovi locali dell’Accademia; inoltre, grazie all’impegno della dott.ssa Maria Chiara Parola, dottore commercialista e genitore impegnata sui temi della libertà di scelta educativa, è stato riconosciuto dall’Ufficio Scolastico Regionale l’insegnamento della danza classica, svolto dalla AUB Scuola Ucraina di Balletto srl quale “prestazioni didattiche e formative nelle aree presenti negli assetti ordinamentali dell’Amministrazione scolastica”.
E’ questo un risultato importantissimo che incoraggia a percorrere il cammino verso il riconoscimento statale del titolo rilasciato dall’Accademia al termine del percorso di studi, della durata di otto anni. Il convegno, come si comprenderà, si colloca in una fase importante di apertura verso strade nuove che consentano agli studenti e alle loro famiglie di affrontare un percorso di alto livello in un ambiente serio e qualificato, come quello dell’Istituto di via Quadronno, nato nel 1854, ancor prima dell’Unità d’Italia. Chi dunque è interessato ad una riflessione seria su formazione e nuove prospettive per i giovani è invitato a partecipare all’evento che si concluderà con l’inaugurazione dei nuovi locali dell’Accademia da parte del Ministro Fedeli e di sr Marimena Pedone, Superiora Generale delle Suore di S. Marcellina, cui seguirà il buffet offerto dalla Società Pellegrini Group.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi