Venerdì nell'ateneo di Largo Gemelli un convegno sull'abuso di alcol in Italia e in Africa, nell’ambito della campagna «AlcolOltre – il vero sballo è dire no», che mira a prevenire il consumo eccessivo di alcolici tra i giovani, attraverso azioni concrete di conoscenza, prevenzione e solidarietà

Convegno-Alcol-e-giovani-Italia-e-Africa-a-confronto

«AlcolOltre – il vero sballo è dire no»: è la campagna lanciata lo scorso mese di gennaio dall’associazione Impegnarsi Serve insieme ai Missionari della Consolata per far riflettere sull’abuso di alcol in Italia e Africa, mettendo in evidenza come il binge drinking (il “bere pazzo”) sia uno dei pericoli della rete (la “dark net” come l’ha di recente definita papa Francesco), di cui i giovani in tutto il mondo sono vittime.

A Milano se ne parlerà venerdì 27 ottobre alle 9, in un incontro presso l’Università Cattolica intitolato “Alcol e giovani: Italia e Africa a confronto”, organizzato nell’ambito della campagna AlcolOltre che mira a prevenire il consumo eccessivo di alcolici soprattutto tra i giovani, attraverso azioni concrete di conoscenza, prevenzione e solidarietà.

Il convegno, che ha il patrocinio del Comune di Milano e della Regione Lombardia, prevede un’intera giornata dedicata al tema Alcol in Italia e Africa: due sessioni di lavoro per approfondire aspetti sanitari, sociali, culturali e offrire occasioni di confronto tra esperti. L’evento si rivolge in particolare agli operatori sanitari e assistenti sociali, professori ed educatori (in allegato il programma dettagliato).

«I profondi cambiamenti nel sistema sociale e la crisi di riferimenti culturali –  commenta Padre Giordano Rigamonti, responsabile della Campagna – si affiancano allo sviluppo iperbolico dei sistemi di comunicazione in rete. Internet e gli altri spazi di incontro virtuali hanno rivoluzionato il pianeta, rendendo tutto apparentemente possibile e imitabile, con minore capacità critica e giudizio di valore. Un mondo delle relazioni destabilizzato cerca di colmare i vuoti, anche con l’abuso di alcolici. I giovani sono tra i più influenzabili, spinti a superare ogni limite, ad andare oltre senza avvertire il pericolo, a rischiare pur di emulare modelli di forza e di successo».

«Pur così diverse fra loro, Europa e Africa –  spiega Laura Poretti, Consigliere Nazionale Associazione Impegnarsi Serve – hanno purtroppo in comune l’uso eccessivo e disordinato di bevande alcoliche. Questo problema colpisce trasversalmente qualsiasi fascia d’età, ma per i giovani può rappresentare l’inizio di un degrado profondo, l’ingresso in un labirinto in cui diventa difficile districarsi, una piaga sociale devastante. Le ragioni dell’abuso di alcol sono molteplici: si beve per noia, per non sentire la fame, per sballarsi, per sopravvivere».

La Campagna AlcolOltre vuole promuovere una serie di iniziative a favore di una cultura per la vita. Facendo rete, con coraggio e ostinazione, certamente qualcosa potrà cambiare sia in Italia sia nelle nazioni africane dove l’Associazione Impegnarsi Serve opera insieme ai Missionari della Consolata.
Oltre al Convegno si stanno allestendo in questi mesi le Tende Live: tre spazi dove viene affrontato il tema dell’alcol parallelamente in Africa e Italia. Attraverso grandi immagini, video, dinamiche di animazione, esperienze sensoriali, giovani e adulti sono stimolati nella riflessione sulla relazione alcol e giovani.

Per maggiori informazioni, visita il sito www.impegnarsiserve.org/


Contatti:

Università Cattolica del Sacro Cuore – Facoltà di Scienze Politiche e Sociali
Segreteria: eventiserviziosociale@unicatt.it – tel. 02.72342992

Associazione Impegnarsi Serve Onlus
Laura Poretti: milano@impegnarsiserve.org – cell. 339.1147441

Missionari della Consolata
Padre Giordano Rigamonti: giordanorigamonti@consolata.net – cell. 333.3339205

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi